Osvaldo rivela: «Totti ben dotato...A Roma volevano uccidermi, mi hanno salvato lui e De Rossi»

Domenica 26 Aprile 2020 di Gianluca Lengua
Osvaldo rivela: «Totti ben dotato...A Roma volevano uccidermi, mi hanno salvato lui e De Rossi»
Pablo Daniel Osvaldo torna a parlare dei suo trascorsi alla Roma e lo fa a ruota libera senza tralasciare alcuni dettagli che hanno contraddistinto la sua esperienza nella Capitale. L’ex attaccante è stato a più riprese protagonista di alcuni battibecchi con i tifosi giallorossi che hanno portato anche a reazioni eclatanti rivelate solo oggi dall'attaccante: «Una volta ero in un bar di Roma e mi stavano quasi uccidendo. Poi chiesi a Totti e De Rossi di accompagnarmi a sistemare le cose, non sono uno stupido», ha detto a TNT Sport. E a proposito di Totti, Osvaldo racconta anche un retroscena piccante: « Sono arrivato a Roma, guardavo Totti e non ci potevo credere. C’è voluta solo una una settimana ed era già un amico, un ragazzo di quartiere, proprio come te. Gli dicevo che secondo me era cornuto, perché non poteva essere così perfetto. Aveva una bella faccia, non voglio dare dettagli, ma era anche ben dotato nelle parti intime. Ed era il miglior calciatore con cui abbia mai a giocato. Aveva solo pregi, non aveva nemmeno l’alito cattivo per dire. E sua moglie… Qualcosa di brutto doveva pur averlo, no? Ma in realtà no, non aveva neanche le corna».
© RIPRODUZIONE RISERVATA