Nations League, l'Italia cerca un altro trionfo: cos'è, le date, quali squadre partecipano e i premi

Date, premi e cos'è la Nations League: l'Italia dopo gli Europei cerca un altro trionfo
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Ottobre 2021, 13:46 - Ultimo aggiornamento: 15:58

Altro che amichevoli, stavolta nella pausa per le nazionali si gioca il calcio vero. Soprattutto l'Italia di Roberto Mancini, che mercoledì 6 ottobre a San Siro sfida la Spagna nella Final Four di Nations League. Fischio d'inizio alle 20.45 in quella che è una delle due semifinali in programma: l'altra è Francia-Belgio che si giocherà invece giovedì 7 ottobre all'Allianz Stadium di Torino.

Cos'è la Nations League

Già, ma cos'è la Nations League? Se lo sono chiesti tantissimi tifosi che poche altre volte avevano sentito questo nome. Si tratta di una competizione organizzata dalla Uefa, che è solo alla seconda edizione, nata con l'obiettivo di sostituire quelle amichevoli che tanto infastidiscono allenatori (e anche giocatori) durante i campionati, creando invece un format più competitivo e di conseguenza anche più remunerativo.

Nations League, Italia-Spagna: arbitra Karasev

Nazionale, ecco i 23 convocati di Mancini: fuori Mancini e Zaniolo, dentro Pellegrini

Il format: come funziona la Final Four di Nations League

Italia, Spagna, Belgio e Francia: sono le quattro squadre arrivate alla Final Four che disputeranno prima le semifinali e poi l'eventuale finale. Hanno guadagnato l'accesso vincendo i rispettivi gironi della Lega A e le due squadre perdenti si sfideranno nella finale per il terzo posto. In caso di parità al 90', si andrà ai tempi supplementari e poi ai rigori, proprio come succede a Mondiali ed Europei. Nella "finalina" invece si andrà direttamente ai rigori senza passare dai supplementari. 

Data e orario delle partite dell'Italia e i premi per la vittoria

Italia-Spagna si gioca mercoledì 6 ottobre alle 20.45, l'altra semifinale Francia-Belgio il 7 allo stesso orario ma a Torino. Chi vincerà non godrà di nessun vantaggio in quanto a qualificazione ad altre coppe dei mesi successivi o nessun diritto nei sorteggi. Si aggiudicherà solo la coppa specifica. Chi beneficia della partecipazione sono le singole federazioni. Le partecipanti alle Final Four nella passata edizione hanno ottenuto poco meno di un milione di euro a testa, la squadra vincitrice (il Portogallo) aveva incassato un assegno da 3,5 milioni di euro mentre 2 milioni erano andati alla finalista. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA