Napoli, Spalletti pensa solo allo Spezia: «Dimostriamo di non essere mai usciti da San Siro»

Napoli, Spalletti pensa solo allo Spezia: «Dimostriamo di non essere mai usciti da San Siro»
di Pasquale Tina
3 Minuti di Lettura
Martedì 21 Dicembre 2021, 16:07 - Ultimo aggiornamento: 18:56

NAPOLI – Il Napoli perde un pezzo pregiato alla vigilia della sfida di domani sera contro lo Spezia: Lorenzo Insigne, ormai recuperato dal fastidio al polpaccio, è stato fermato dal Covid: è positivo ed in isolamento fiduciario: “Dispiace non avere a disposizione giocatori del suo calibro, ma purtroppo bisogna fare i conti con questo rischio. Le partite non si possono rigiocare e noi dobbiamo dare continuità al successo contro il Milan”, dice Luciano Spalletti che non vuole parlare dell’impresa di San Siro: “E’ passata, adesso c’è soltanto lo Spezia. Conosco bene la squadra e l’ambiente, servirà una prova di grande intensità. Vogliamo fare bene al Maradona. Mi dispiace per chi non ci sarà, ma i giocatori a disposizione sanno bene cosa dovranno fare. Mentalmente dobbiamo dimostrare di non essere mai usciti da San Siro”. Spalletti rifiuta l’etichetta di anti-Inter: “Noi non siamo l’anti nessuno. Vogliamo mostrare la nostra bellezza e vincere tutte le partite possibili, poi faremo i conti. Il mio atteggiamento non è mai cambiato: sono sempre affamato di vittorie”.

LA FORMAZIONE. Spalletti recupera Mario Rui, ma l’allenatore azzurro non svela le sue scelte: “Verificherò soltanto a poche ore dalla partita”. L’altra possibile novità è Lobotka: “E’ un grande regista, fa girare bene la squadra”. Mertens dovrebbe sostituire Petagna al centro dell'attacco.

OSIMHEN. Il numero 9 azzurro potrà intensificare gli allenamenti: è arrivata la mascherina protettiva. L’attaccante ha scritto un messaggio sui social: “Sono pronto per la Coppa d’Africa se sarò tra i convocati”. In realtà il futuro della competizione si deciderà soltanto domani: “Sicuramente è una competizione importante – dice Luciano Spalletti – ma mi auguro che prevalga il buon senso da parte delle istituzioni. Il rischio di contagio purtroppo c’è. Vedremo cosa accadrà. Osimhen ovviamente domani non sarà con noi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA