Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, Spalletti: «Nuovo progetto mi stimola, ma non prometto nulla. Simeone? Acquisto buono, verrà con noi a Verona»

Napoli, Spalletti: «Nuovo progetto mi stimola, ma non prometto nulla. Simeone? Acquisto buono, verrà con noi a Verona»
di Pasquale Tina
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 16:15

NAPOLI – “Sono orgoglioso di gettare le basi del nuovo Napoli. E’ un’avventura molto stimolante”. Luciano Spalletti comincia la stagione con grande determinazione. La chiarezza, però, è necessaria: “Non posso promettere nulla dal punto di vista degli obiettivi. Abbiamo cominciato un corso diverso perdendo tanti giocatori importanti. L’ambizione e la passione saranno altissime. La città merita il massimo, ma il percorso è lungo. Ci piacerebbe avere anche un po’ di sostegno. Sono convinto che la nostra gente tornerà ad innamorarsi di questa squadra”. E’ arrivato pure Giovanni Simeone: sarà a disposizione lunedì al Bentegodi nel match di Ferragosto contro l’Hellas Verona. “E’ un acquisto importante. Ha segnato 17 gol nell’ultimo campionato. Lui e Osimhen sono due prime punte, potremmo pensare anche di farli giocare insieme in alcuni momenti della stagione”.

Il mercato non è ancora finito: “Sono andati via Ospina, Koulibaly, Ghoulam, Insigne e Mertens. Cambieranno sicuramente le dinamiche all’interno dello spogliatoio. Servono giocatori, seppur giovani, di valore. Disputeremo la Champions League, saremo in terza fascia. Affronteremo autentici squadroni e pure in serie A le nostre rivali si sono rinforzati”. I nomi sono i soliti: Navas in porta, Ndombele in mediana e Raspadori in attacco. “Non voglio parlare dei calciatori che non ho a disposizione – precisa Spalletti – lasciamo lavorare i nostri operatori di mercato. Nel frattempo ci sono 12 punti a disposizione e faremo al meglio il nostro dovere”.

LA PARTITA 

Spalletti prima ricorda Claudio Garella (“E’ stato inimitabile, voglio salutarlo anche io”), poi avvisa sul pericolo della sfida con l’Hellas: “Non pensiamo che sia facile. Storicamente è sempre stata una gara insidiosa”. L’unico dubbio di formazione  è tra Meret e Sirigu: “Salvatore è arrivato da poco e ha subito chiesto allenamenti supplementari”. Il Napoli adotterà il 4-3-3: “Avremo due riferimenti, questo modulo ma anche il 4-2-3-1. Politano? Ha recuperato e sarà a disposizione. L’impatto dei nuovi? Sono soddisfatto di Kim, Kvaratskhelia, Ostigard e Olivera”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA