NAPOLI

Elmas più Politano, il Napoli batte il Parma. Gattuso respira

Domenica 31 Gennaio 2021 di Pasquale Tina
Elmas più Politano, il Napoli batte il Parma. Gattuso respira

Brutto, sporco, cattivo. E vittorioso. Il Napoli mette da parte i propositi di calcio spettacolo e bada al sodo, regolando il Parma con un gol per tempo e facendo tre passi avanti in classifica. Decidono le reti di Elmas - un gioiello - e di Politano, con Gattuso che può tirare un sospiro di sollievo. L'allenatore ripropone nove undicesimi della squadra che aveva affrontato in Coppa Italia lo Spezia, con due sola novità: Petagna torna nel ruolo di centravanti, con Lozano riportato nel suo ruolo di ala destra e Politano che scala in panca, mentre il terzino destro è Di Lorenzo al posto di Hysaj. Il modulo è il 4-3-3, con Demme qualche passo più dietro rispetto a Zielinski ed Elmas e con Insigne che spesso s'accentra a raccogliere il pallone. D'Aversa invece sceglie il 4-3-1-2, con Kucka nelle vesti di trequartista alle spalle di Cornelius e Gervinho. Nella prima mezz'ora succede poco o nulla, con gli azzurri che provano a costruire il gioco ma senza troppi risultati. La diga difensiva di D'Aversa regge, anche se il Parma è poco efficace quando prova a ripartire: Cornelius, soprattutto, finisce spesso in fuorigioco. Al 32' è un lampo a sbloccare il risultato. Elmas parte palla al piede dall'altezza della linea di metà campo, supera l'unico avversario che gli si para contro - Osorio - e disorienta con un paio di finte gli altri difensori, prima di spiazzare Sepe col sinistro. Un gran bel gol, che tira fuori dagli impacci il Napoli che inizia a giocare con maggiore scioltezza. Al 43' per poco non arriva il raddoppio: Petagna dalla sinistra pesca Lozano che di piatto destro, da due passi, manca incredibilmente il bersaglio. Nella ripresa il Parma si fa più intraprendente, anche grazie all'inserimento di Hernani al posto di Grassi. Sono però i padroni di casa, più che altro, ad arretrare il baricentro, anche troppo quando Petagna lascia spazio a Politano, lasciando il posto da centravanti a Lozano. Il Parma preme, ma non sfonda. Solo un errore di Demme mette in condizione Gervinho di mandare in porta Brugman, che va a segno ma è in evidente fuorigioco. Entra anche Maksimovic per Elmas, il Napoli s'abbottona a protezione del risultato. Poi, al 37', Politano trova il gol che spazza via incubi e paure: sulla conclusione di sinistro dal limite dell'ex nerazzurro è una deviazione di Osorio a ingannare Sepe. Il Napoli può giocare finalmente in scioltezza e Insigne coglie un palo, che gli nega la gioia del gol numero 100 in azzurro. I tre punti, però, non sfuggono e la posizione di Gattuso si fa un po' più solida.
.

LEGGI LA CRONACA

 

 

Ultimo aggiornamento: 20:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA