Napoli, l'annuncio ai tifosi: «Non si possono fare abbonamenti per il San Paolo»

Giovedì 9 Agosto 2018
Il Napoli ha annunciato che per la stagione in arrivo non ci sarà per i tifosi la possibilità di acquistare abbonamenti allo stadio San Paolo. Il club azzurro sottolinea in una nota che essendo lo stadio «inserito tra gli impianti che ospiteranno le Universiadi 2019, nel corso della stagione agonistica 2018-2019, l'impianto sarà interessato dall'esecuzione di lavori di manutenzione, funzionali a rendere la struttura idonea a ospitare l'evento. Come prospettato - si legge nella nota - dalle stesse amministrazioni che sovrintendono all'organizzazione della manifestazione, l'esecuzione di tali lavori comporterà l'inevitabile chiusura e, comunque, l'indisponibilità dei settori, di volta in volta, oggetto delle attività manutentive. Tuttavia, nonostante l'inizio delle Universiadi sia prevista per l'estate 2019, alla SSC Napoli non è stato comunicato né il crono-programma dei lavori (non sono note né la data di inizio degli interventi, né la durata degli stessi), né, tantomeno, il progetto che le competenti amministrazioni intendono realizzare».

Per questo motivo, spiega la società, «a causa del totale stato di incertezza descritto, al fine di evitare disagi ai tifosi, la SSC Napoli ha ritenuto opportuno non avviare la Campagna Abbonamenti per la stagione 2018/2019». Il Napoli precisa che garantirà agli abbonati della stagione 2017/2018 il diritto di precedenza sull'acquisto del biglietto di ogni singolo evento sia di Campionato che di Coppa Italia che di tutte le competizioni Uefa, non necessariamente nello stesso posto della precedente stagione, in relazione ai lavori che saranno effettuati nello stadio. Il club sottolinea che le prime tre file delle Tribune Posillipo e Nisida nonché le prime due file dei settori Distinti, Curva A e Curva B, subiranno delle variazioni e, pertanto, alcuni posti potrebbero non essere disponibili.
Ultimo aggiornamento: 19:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Troppi turisti, meglio misurare qualità ed educazione di chi viene a Roma

di Mauro Evangelisti