NAPOLI

Nandez al 93' fa 1-1: il Cagliari ferma la corsa Champions del Napoli al Maradona e vede la salvezza

Domenica 2 Maggio 2021 di Pasquale Tina
Napoli-Cagliari finisce 1-1: sblocca Osimhen al 13', poi Nandez nei minuti di recupero

 Il Cagliari è un po' più vicino alla salvezza, il Napoli un po' più lontano dalla Champions. Finisce 1-1 al Maradona ed è un punto d'oro per i sardi, che escono momentaneamente dalla zona retrocessione. Gli azzurri, invece, perdono terreno nello sprint per le prime quattro posizioni. E sabato saranno attesi da un'altra pericolante affamata di punti: lo Spezia. Gattuso ritrova Manolas in difesa e Fabian in mediana, preferisce Lozano a Politano sulla destra e conferma Osimhen al centro dell'attacco. Conferme anche per Zielinski e Insigne, per un 4-2-3-1 a trazione anteriore. Difesa a quattro anche per Semplici, che sceglie però un undici piuttosto abbottonato, con Zappa e Carboni terzini, Nandez e Lykogiannis esterni alti e Nainggolan a cucire tra la mediana e l'unica punta Pavoletti. Al posto di Marin, squalificato, c'è Deiola. Il fortino cagliaritano, però, resiste 13'. Dopo un colpo di testa a lato su invito di Demme, Osimhen aggiusta la mira e porta in vantaggio gli azzurri. A far partire l'azione è Demme che recupera palla a centrocampo e la cede a Insigne, tocco per Osimhen che resiste al ritorno di Godin e batte Cragno. L'atteggiamento dei rossoblù non cambia, con l'iniziativa lasciata al Napoli che però non affonda. Il Cagliari, invece, si rende pericoloso in ripartenza: al 27' Zappa coglie il palo dopo una corte respinta di Koulibaly in anticipo su Pavoletti. Col passare dei minuti il baricentro dei sardi si alza, anche se gli spazi concessi sono inviti a nozze per gli attaccanti azzurri: al 31' Osimhen imbecca Lozano dalla sinistra ma il messicano, un po' in ombra, spedisce fuori di testa da due passi. Prima dell'intervallo la squadra di Semplici costruisce una doppia occasione: Carboni crossa da sinistra, Meret è bravissimo a opporsi prima al colpo di testa di Pavoletti, poi al tap-in da posizione ravvicinata di Nandez. Dopo l'intervallo si presenta in campo un Napoli più autorevole, capace di gestire meglio il gioco e soprattutto di affondare con regolarità. Dopo un tap-in a lato di Osimhen su cross di Zielinski, è proprio il polacco a impegnare Cragno al 5'. Sul corner, Demme coglie la traversa. Il Cagliari risponde con un colpo di testa di Lykogiannis su traversone di Zappa: fuori di pochissimo. Il primo cambio di Gattuso a metà ripresa: dentro Politano per Lozano. Semplici risponde con Asamoah per Deiola. Zielinski e Insigne mancano il colpo del ko, anche Osimhen conclude a lato da posizione interessante. Il risultato rimane in bilico, col Cagliari che non molla. Uno scontro aereo tra Osimhen e Ceppitelli costringe i due tecnici a un doppio cambio. Gattuso inserisce Mertens per il nigeriano, Semplici azzarda lanciando Simeone per il difensore. L'allenatore del Cagliari gioca poi la carta del triplo centravanti, gettando nella mischia anche Cerri. Il Napoli sembra in debito d'ossigeno, in più Koulibaly ha dei problemi e resta in campo a fatica, anche perché gli slot per i cambi sono esauriti. Il finale è tutto di marca rossoblu. Meret dice di no a Pavoletti (43'), ma al 4' di recupero è Nandez su invito di Asamoah a indovinare il tap-in del pareggio. Hysaj non è attento e si perde l'inserimento dell'uruguaiano, che batte Meret facendo esplodere di gioia i suoi.

NAPOLI (4-2-3-1): Meret 7; Di Lorenzo 6, Manolas 6, Koulibaly 6, Hysaj 5,5; Fabian 5,5 (36’ st Elmas 5,5), Demme 6; Lozano 5 (23’ st Politano 5,5), Zielinski 5 (36’ st Bakayoko n.g.), Insigne 5; Osimhen 7 (31’ st Mertens 5). In panchina: Contini, Idasiak, Zedadka, Rui, Maksimovic, Rrahmani, Petagna, Cioffi. All.: Gattuso 5,5.

CAGLIARI (4-4-1-1): Cragno 6; Zappa 6 (37’ st Cerri n.g.), Ceppitelli 5,5 (31’ st Simeone n.g.), Godin 6, Carboni 6; Nandez 6,5, Deiola 6 (25’ st Asamoah 6), Duncan 7, Lykogiannis 6 (37’ st Calabresi n.g.); Nainggolan 6; Pavoletti 6,5. In panchina: Aresti, Vicario, Tripaldelli, Joao Pedro, Klavan, Calabresi, Rugani, Cerri, Walukiewicz. All.: Semplici 6,5.

ARBITRO: Fabbri 6

RETI: 13’ pt Osimhen, 49’ st Nandez

NOTE: ammoniti Godin, Deiola, Pavoletti, Demme. Angoli 3-1. Recupero 1’ pt, 6’ st.

LEGGI LA CRONACA

 

Ultimo aggiornamento: 18:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA