Napoli, Ancelotti: «Pochi tifosi al San Paolo? Con una grande partita torneranno»

Venerdì 14 Settembre 2018 di Pasquale Tina

NAPOLI - Il Napoli vuole voltare pagina. L’obiettivo è archiviare la sconfitta contro la Sampdoria. Carlo Ancelotti è fiducioso. “L’abbiamo analizzata bene durante la sosta. Abbiamo commesso molti errori anche individuali, quindi dobbiamo stare attenti a tutti i dettagli”. La Fiorentina, del resto, è avversario da affrontare con determinazione. “C’è grande rispetto da parte nostra. La rosa è molto valida. La deroga per la fascia di Astori? E’ stato perso troppo tempo, il calcio italiano ha altri problemi. E’ giusto onorare la memoria di Astori”.

LA FORMAZIONE. “Non ho ancora deciso, soltanto ieri ho ritrovato tutti i nazionali, quindi devo valutare. Milik o Mertens? Entrambi hanno giocato novanta minuti martedì, quindi deciderò dopo la rifinitura”. Scalpitano anche Malcuit, Maksimovic e Fabian. “Ora sto pensando solo alla sfida con i viola, poi ci concentreremo sulla Stella Rossa. Posso dire che valorizzare l’intero organico è fondamentale per conquistare risultati importanti e quindi lo farò perché c’è tanta qualità. Le critiche per le esclusioni di Callejon e Hamsik non mi toccano. In Italia è sempre così, quando si perde. La rotazione sarà naturale”.

LO SCUDETTO. “Nello spogliatoio adesso non ne parliamo. E’ troppo presto. Vogliamo soltanto vincere le partite. Siamo reduci da una sconfitta con la Samp, ma non è la fine del mondo, la stagione è appena iniziata. Saremo protagonisti”.

SAN PAOLO PER POCHI INTIMI. “Se ci saranno 20mila spettatori allo stadio, offriremo uno spettacolo di livello in modo da poi convincere gli altri per la prossima. Campionato o Champions? Non c’è nessuna priorità, adesso l’obiettivo è la Fiorentina”.

Ultimo aggiornamento: 16:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA