Juventus-Man United 1-2: non basta CR7, l'autogol di Alex Sandro punisce i bianconeri

Mercoledì 7 Novembre 2018 di Alberto Mauro
2

La prima sconfitta stagionale prima o poi doveva arrivare ma così fa male. Perché la Juve butta via una partita che aveva saldamente in tasca e soprattutto gli ottavi di finale. In quattro minuti il primo posto matematico del girone H diventa una qualificazione ancora tutta da conquistare contro Valencia e Young Boys. Nulla di compromesso ma una clamorosa occasione sprecata, dopo il gol capolavoro di Ronaldo che aveva illuso lo Stadium sold out, con tanto di record assoluto d’incasso. Negli ultimi minuti succede di tutto: prima la punizione velenosa di Mata per l’1-1 poi l’incredibile vantaggio su palla vagante in area con concorso di colpa Szczesny - Bonucci e Alex Sandro, l’ultimo a toccarla. Applausi per Pogba, fischi a scena aperta per Mourinho, che dopo il gesto del triplete a Old Trafford si ripete portandosi una mano all’orecchio in direzione dei tifosi al momento di lasciare il campo. Bonucci lo scorta fuori, mentre i giocatori dello United festeggiano: vincere allo Stadium non è cosa da tutti i giorni. La Juve parte bene, controllo e non concede nemmeno un tiro in porta nel primo tempo, sfiorando il vantaggio con una girata al volo di Khedira sul palo. Nella ripresa aumenta il ritmo e trova l’1-0 con la prima rete in maglia bianconera (botta a 93 km/h) di CR7 un capolavoro degno della rovesciata dello scorso anno (stessa porta). Mata che a 4 minuti dalla fine acciuffa il pareggio con una punizione imprendibile e Alex Sandro sulla pressione di Pogba infila il 2-1 per lo United riaprendo il girone H.

LEGGI LA CRONACA
 

Ultimo aggiornamento: 23:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Mattia 15 anni e un sogno Diventare arbitro di calcio

di Mimmo Ferretti