Emiliano Sala, morto il papà del calciatore scomparso nella Manica. «Il cuore non ha retto»

Venerdì 26 Aprile 2019
Morto Horacio Sala, il padre di Emiliano: fatale un infarto, aveva 58 anni

Nuova tragedia nella famiglia di Emiliano Sala, l'attaccante argentino morto in un incidente aereo avvenuto nel Canale della Manica il 21 gennaio scorso. Oggi il papà è morto a causa di un infarto. Horacio Sala ha avuto un malore la scorsa notte a Progreso. A darne l’annuncio è stato il sindaco della città Julio Müller su Radio La Red: «Questo 2019 non smette di sorprenderci con un’altra brutta notizia. Alle 5 del mattino, mi ha chiamato la compagna di Horacio. Quando sono arrivato, lei era distrutta accanto al corpo dell’uomo che neppure i medici hanno potuto salvare».

Emiliano Sala, il presidente del Cardiff: «Pagare il calciatore? Troppe domande senza risposta»

Probabilmente non ha resistito al dolore per la scomparsa del figlio. Così i media argentini, e in particolare Radio 'La Red' che per prima ha dato la notizia, spiegano la morte per infarto ieri sera di Horacio Sala, 58 anni, padre dell'attaccante del Nantes inabissatosi nella Manica con il velivolo che, nel gennaio scorso, lo stava trasportando a Cardiff per firmare il contratto con quella che sarebbe stata la sua nuova squadra. Horacio Sala si è sentito male la scorsa notte a Progreso, città in cui viveva insieme alla moglie. Intervistato da 'La Red', il sindaco di Progreso, Julio Muller, che era amico di Sala sr, ha raccontato che «alle 5 del mattino, mi ha chiamato la compagna di Horacio. Quando sono arrivato, lei era distrutta accanto al corpo del suo uomo, che i medici non hanno potuto salvare. Horacio non ha mai superato la morte di Emiliano».​

Ultimo aggiornamento: 17:04


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma