Morolo, parla Damiani: «Sono qui
per mister Granieri e il presidente»

Martedì 10 Luglio 2018 di Emiliano Papillo
Luca Damiani del Morolo
Il primo colpo di mercato del Morolo del nuovo corso è l'esterno d'attacco Luca Damiani, 20 anni ex Ciampino e Civita Castellana. Cresciuto nelle giovanili della Roma ha avuto anche una breve esperienza nella Primavera del Pescara.

«Sono molto felice di essere al Morolo- ha spiegato Luca Damiani- una società seria. Mi hanno convinto mister Mirko Granieri ed il presidente Lelio Martini. Qui ce l'ambiente ideale per lavorare bene senza pressioni. Il progetto mi piace darò tutto per questa maglia. L'obiettivo è quello di una tranquilla salvezza, ma credo che possiamo toglierci belle soddisfazioni. Darò tutto per questa maglia». 
Damiano è solo il primo di un gruppo di nuovi arrivi previsto per la setttimana prossima.
A fare il punto della situazione in casa biancorosso è il team manager Angelo Ricci.
«Siamo in trattativa con quattro-cinque giocatori. Le priorità attualmente sono due centrocampisti, un attaccante ed un difensore centrale. Abbiamo individuano i profili giusti e grazie all'ottimo lavoro del ds Adriano Capuano pensiamo di chiudere due giocatori entro il fine settimana- ha spiegato Ricci- intanto dovrebbe tornare l'esperto Giorgio Santarelli dopo l'esperienza ad Arce e stiamo lavorando anche sulle conferme. Dovrebbero restare a Morolo il portiere Damiano Palombo, Marco Capuano, Franco Cataldi, Bietti e Potenziani oltre ad alcuni validi giovani come Antinori e Caponi. Ci piacerebbe tenere anche Tommaso Pazienza ed altri ma molto dipenderà dalla loro disponibilità legata al lavoro».

«Nel frattempo- ha aggiunto Ricci- oltre all'aspetto dei giocatori stiamo lavorando anche sulla società. Il mister sarà affiancato da Antonio Fontana, allenatore in seconda, giocatore e dirigente e da Davide Giacomini, ma stiamo lavorando su un nuovo ingresso in società. Nelle prossime ore ci saranno novità. Poi partiremo con la campagna abbonamenti. Contiamo di riportare entusiamo attorno alla squadra». © RIPRODUZIONE RISERVATA