Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Reazione Torino, più forte anche delle polemiche con Miranchuk e Sanabria. Debutto amaro in A per il Monza

Reazione Torino, più forte anche delle polemiche con Miranchuk e Sanabria. Debutto amaro in A per il Monza
di Alberto Mauro
2 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 22:58

Il Monza stecca al debutto in A, contro un Toro capace di reagire sul campo alle tensioni e gli sfoghi delle ultime settimane. Troppo timidi i ragazzi di Stroppa che pagano l’impatto con la massima serie, dopo una stagione travolgente in B e un mercato estivo all’altezza delle ambizioni di Galliani e Berlusconi. Mentre Juric ha ottenuto una reazione da Toro, dopo veleni e liti (clamorosa quella con Vagnati) e il sorprendente “ammutinamento” di capitan Lukic, che ieri non si è presentato al raduno perché aveva chiesto la cessione ma non è stato accontentato. Subito dentro i nuovi arrivati Pablo Marì e Petagna da una parte, e Miranchuk e Radonjic dall’altra. Stroppa sceglie il 3-5-2 con Di Gregorio in porta (Cragno in panchina) e la coppia d’attacco Caprari - Petagna, 3-4-2-1 per Juric con Sanabria centravanti. Avvio prudente con due conclusioni di Ranocchia e Radonjic senza grosse pretese, Monza timido mentre il toro impiega mezzo’ora abbondante per prendere le misure agli avversari. Poi ci pensa il nuovo arrivato Miranchuk a spaccare la partita, su assist di Sanabria, con un tocco d’esterno morbidissimo ad anticipare Di Gregorio in uscita. Buco della difesa del Monza, troppo incerta a coprire e lenta a leggere lo sviluppo dell’azione granata del vantaggio. Fuori proprio Miranchuk all’intervallo per un fastidio ai flessori, nelle ripresa ancora ritmi bassi fino al colpo del KO di Sanabria, che vola su un assist di Ricci dopo uno svarione di Carboni e firma il 2-0 che di fatto chiude la partita. Impatto decisivo di Radonjic sulla partita, al battesimo in A, guizzo finale di Birindelli (migliore dei suoi) che sfiora il gol; accorcia le distanze Mota nel finale, dopo un'uscita non perfetta di Milinkovic, ma il Monza si sveglia troppo tardi per provare a riagguantarla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA