Mondiali, embargo scarpini Usa: Iran costretto a comprarli in un negozio

Mercoledì 13 Giugno 2018 di Redazione Sport
L'Iran rischia di restare a piedi nudi. Il caso è di queste ore, anche se presto si risolverà, facendo shopping in Russia... A due giorni dall'esordio nel Mondiale russo, venerdì a San Pietroburgo contro il Marocco, la nazionale dell'Iran continua ad avere il problema degli scarpini. Infatti la Nike, che riforniva molti dei calciatori del ct Queiroz, ha sospeso la fornitura a causa delle sanzioni, tra cui l'embargo, imposte nei confronti dell'Iran dal Presidente Donald Trump. Da Portland, sede della casa madre, è stato diffuso un comunicato in cui si spiega che «le sanzioni decise dal governo Usa comportano che la Nike, in quanto azienda statunitense, non possa fornire in questo momento le scarpe ai giocatori della nazionale iraniana». Il ct del 'Team Mellì, il portoghese Carlos Queiroz, ha reagito con rabbia definendo «ingiusta e dannosa» la decisione di Nike. Intanto, come ha documentato la Bbc, alcuni calciatori dell'Iran sono stati costretti a comprarsi le scarpe da gioco in un negozio di articoli sportivi che si trova nella zona in cui sono in ritiro. Nessun problema, invece, per le divise da gioco e allenamento, fornite dalla tedesca Adidas. © RIPRODUZIONE RISERVATA