Mondiale Under20, Mina condanna l'Italia ai supplementari: l'Ecuador è terzo

Venerdì 14 Giugno 2019 di Valerio Cassetta
Non è bastata neanche la carica di Leonida per vincere la medaglia di bronzo ai Mondiali Under 20. L’Italia del ct Paolo Nicolato a Gdynia in Polonia perde 1-0 contro l’Ecuador ai supplementari la finale per il terzo posto. Obiettivo minimo sfumato per gli Azzurrini, condannati dal gol Mina, arrivato dopo l’errore dal dischetto di Olivieri sempre nell’extra time. Per sopperire alle tante assenze (Scamacca, Frattesi e Bellanova indisponbili e senza Pinamonti, finito k.o. dopo aver raggiunto il ritiro dell'Under 21) Nicolato aveva provato a motivare i suoi, reduci dalla deludente eliminazione con l’Ucraina, prendendo spunto dal cinema. L’allenatore alla vigilia del match ha inviato nella chat di squadra su WhatsApp un foto di Leonida, stratega spartano protagonista del film “300” ispirato alla battaglia delle Termopili contro i persiani, accompagnato dalla frase «O tornate con il vostro scudo o sopra di esso». Insomma, un modo originale per invitare i giocatori a dare tutto in campo che però non ha portato i frutti sperati.

Primo tempo combattuto e con poche occasioni da gol con la tattica prevale sullo spettacolo. Le uniche emozioni sono affidate alle giocate dei singoli. Plata ci prova da fuori area, testando i riflessi di di Carnesecchi. L’Italia risponde con Alberico che spara fuori dal limite. Nel secondo tempo la musica non cambia, soprattutto per i ragazzi di Nicolato: propositivi, ma inefficaci nella metà campo avversaria. In porta Carnesecchi è costretto agli straordinari. Prima controlla senza difficoltà i tiri dalla distanza di Alcivar e Alvarado, poi devi sul palo il mancino di Campana. L’attaccante ecuadoriano si mette in evidenza in altre tre occasioni, mettendo a nudo le incertezza della difesa italiana. Colpani, entrato al posto di Esposito, prova a scuotere i suoi con un sinistro in diagonale che si spegne sul fondo. Unico acuto per gli Azzurri Under 20 nella seconda frazione di gara.

Ai supplementari l’Italia spreca subito una grande occasione. Olivieri, atterrato in ritardo da Quintero in area, si procura un calcio di rigore. Il suo tiro dal dischetto viene parato in tuffo da Ramirez. L’errore infonde fiducia agli ecuadoriani che al minuto 104’ trovano il gol del vantaggio. Su un cross da calcio di punizione, Mina, approfittando di una spezzata sul secondo palo, infila Carnesecchi di destro. Il gol è una doccia fredda per gli Azzurri che non riescono a riaprire il match. Al triplice fischio dello spagnolo Manzano festeggia l’Ecuador, mentre l’Italia chiude al quarto posto. Ultimo aggiornamento: 23:21


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La generazione che snobba i motorini e pure i bolidi

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma