Mkhitaryan, una lettera per la pace: «Putin, Macron, Trump: il mio paese è in pericolo»

Mkhitaryan, una lettera per la pace: «Putin, Macron, Trump: il mio paese è in pericolo»
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Ottobre 2020, 21:06 - Ultimo aggiornamento: 21:07

L'Henrikh Mkhitaryan politico non sorprende. L'armeno scrive una lettera ai principali leader politici del mondo: messaggio diretto a a Vladimir Putin, Donald Trump e Emmanuel Macron, il suo è un grido d'allarme per il conflitto che sta coinvolgendo Armenia e Azerbaijan. Queste le parole del calciatore della Roma:

"Sono un atleta professionista che rappresenta orgogliosamente in tutto il mondo l'Armenia, e oggi scrivo questa lettera con grandissime preoccupazioni. Mentre il mondo è testimone di una tragica guerra senza precedenti in Nagorno Karabakh, permettetemi di dar voce alla profonda preoccupazione che il mio Paese si trovi in grande pericolo".


<blockquote class="twitter-tweet"><p lang="en" dir="ltr">A Call for Action &amp; Peace🙏🏼 <a href="https://twitter.com/OSCE?ref_src=twsrc%5Etfw">@OSCE</a> <a href="https://twitter.com/KremlinRussia?ref_src=twsrc%5Etfw">@KremlinRussia</a> <a href="https://twitter.com/EmmanuelMacron?ref_src=twsrc%5Etfw">@EmmanuelMacron</a> <a href="https://twitter.com/realDonaldTrump?ref_src=twsrc%5Etfw">@realDonaldTrump</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/PeaceForArmenia?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw">#PeaceForArmenia</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/PeaceForArmenians?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw">#PeaceForArmenians</a> <a href="https://t.co/fZAXBz09IO">pic.twitter.com/fZAXBz09IO</a></p>&mdash; Henrikh Mkhitaryan (@HenrikhMkh) <a href="https://twitter.com/HenrikhMkh/status/1313540944625643522?ref_src=twsrc%5Etfw">October 6, 2020</a></blockquote> <script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>

"Mentre la guerra entra nella seconda settimana di scontri - prosegue - l'Armenia e l'Artaskh continuano a difendere il proprio diritto di essere una Nazione indipendente, di continuare ad esistere sui territori storicamente occupati e di preservare il proprio patrimonio di valori Cristiani conosciuto in tutto il mondo".

"Con l'intensificarsi degli scontri militari negli ultimi giorni, è estremamente triste vedere come l'esercito dell'Azerbaijan stia deliberatamente puntando obiettivi come scuole e asili, residenze civili, ospedali ed altre infrastrutture, nella capitale ed in altri centri densamente abitati".

"Tutto ciò non può che definirsi un crimine di guerra, e l'attuale situazione è al limite della catastrofe umanitaria".

"In più tutto questo avviene con l'intervento di combattenti stranieri ed in prossimità dei confini della Confederazione Russa e dell'Unione Europea, fatto che costituisce una minaccia diretta anche per i vostri Paesi. Siamo lasciati soli nella nostra battaglia contro il terrorismo internazionale".

"Come storici alleati dell'Armenia il vostro intervento per fermare questa guerra devastante è di vitale importanza"

"I nostri giovani muoiono al fronte o rimangono irrimediabilmente menomati, invece di avere la possibilità di partecipare alla costruzione del futuro del Paese. Dal profondo del mio cuore vi chiedo di fare tutto quanto è in vostro potere per interrompere questa tragedia e riportare le parti a negoziazioni pacifiche", conclude Mkhitaryan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA