Milan, la ricetta di Pioli: «Idee, intensità e spregiudicatezza»

Mercoledì 9 Ottobre 2019 di Salvatore Riggio
Stefano Pioli

Adesso è ufficiale: Stefano Pioli è il nuovo allenatore del Milan e prende il posto di Marco Giampaolo, esonerato ieri intorno alle 19.30. All'ex tecnico di Lazio, Inter e Fiorentina il compito di risollevare i rossoneri dopo questo avvio di stagione davvero difficile. Inoltre, il nuovo tecnico, che ha firmato un biennale a 1.5 milioni di euro, dovrà anche vincere lo scetticismo iniziale dei tifosi milanisti, infuriato con la gestione di questo momento complicato da parte del club di via Aldo Rossi. «Capisco la frustrazione dei tifosi, ma siamo compatti per riportare in alto il Milan», le prime parole di Ivan Gazidis, l’attuale ad rossonero. «Non ci fa piacere cambiare allenatore così presto, ma crediamo sia la scelta giusta», la replica di Zvonimir Boban.
Così Pioli. «Arrivo con entusiasmo e passione. Nel mio Milan voglio vedere idee, intensità e spregiudicatezza».
Lavoro Giampaolo. «Se qualcosa del suo lavoro può tenersi? Difficile dirlo. Giampaolo è un bravo allenatore, ma è diverso da me. Io dovrò essere bravo a comunicare alla squadra le mie idee. Partiamo da un buon livello, ci sono ragazzi di valore, Marco ha lavorato bene e questo è importante. Vorrei far giocare un calcio che i ragazzi abbiamo il piacere di giocare. Io devo aiutarli a farlo».
Tifosi. «Hanno diritto di critica, per me è uno stimolo in più».
Fede interista. «Il passato è passato. Ero un ragazzo di 13 anni, paffutello e con i capelli. Ora sono un adulto, professionista, pelato e con la barba e voglio fare bene».
Piatek e Paquetà. «Lui è molto efficace dentro l’area, poi come ogni attaccante è condizionato dal resto dell’area. Lui è un bomber, ma ci sono anche tanti altri giocatori che possono fare gol. Paquetà è una mezzala di qualità e di quantità».
Paragone esperienza Inter. «Sbagliato comparare le varie esperienze, cambiano tante cose. Non mi guardo mai alle spalle, guardo sempre avanti».
Giocatori bloccati. «Difficile giudicare da fuori».
Caratteristiche Milan. «Ci sono giocatori che possono risolvere le partite. Possiamo mettere in mostra un gioco intraprendente. C’è grande concorrenza, le altre squadre sono ben preparate, ma dobbiamo avere coraggio e insieme dobbiamo mettere qualcosa in più per far risaltare le nostre qualità».
Obiettivo. «Noi dobbiamo lottare per andare in Champions».
Potenziatore. «Io mi adatto ai miei giocatori. Devono migliorarli individualmente per farli crescere anche come collettivo».
Sensazioni. «Sono ottimista, lotteremo per il Milan. Devono essere convinti anche i giocatori. Bisogna tenere duro nei momenti difficili. Il mio slogan? Vincere».
 

Ultimo aggiornamento: 16:33


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma