Milan, Pioli: «Ora Piatek avrà maggiore convinzione»

Domenica 8 Dicembre 2019
Pioli
Pioli adesso va più forte di Giampaolo e soprattutto rivede l'Europa. Il successo al dall'Ara, il 2° di fila dopo quello al Tardini contro il Parma e quindi ancora in Emilia, rilancia il Milan e contemporaneamente Piatek: «Sapevamo che il Bologna ci avrebbe presi alti, Piatek ha vinto tanti duelli e ha fatto un gran lavoro per la squadra. Anche lui uscirà da questa partita con maggiori convinzioni. Theo Hernandez? Credo che in fase offensiva abbia tempi importanti, grande fisicità e un piede educato. All'inizio l'ho fatto partire troppo alto, non è un giocatore da uno contro uno, più ha campo più può spaccare la partita. Dobbiamo fare movimenti per fargli spazio». Intervistato da Sky Sport nel dopo-partita di Bologna-Milan, il tecnico dei rossoneri elogia due dei protagonisti del match. «Da questa vittoria dobbiamo portare a casa tante sensazioni positive - dice ancora Pioli -, è stata una partita bellissima per merito di entrambe le squadre. La nostra qualità ci ha premiato. E' un motivo per essere ancora più consapevoli delle nostre qualità e del fatto che se si gioca tutti insieme possiamo fare molto bene.. Abbiamo i giocatori per giocare bene al calcio, ma la qualità non basta. Servono anche idee e intensità, in questo modo si può far bene nel campionato italiano». Pioli racconta anche di essersi emozionato: «sì, per l'incontro con Mihajlovic. Ero felice di poterlo salutare, avrei voluto abbracciarlo ma lui mi ha detto che era meglio di no. Ô stata una bella emozione, sono contento di averlo ritrovato, sapevo sarebbe stato più difficile con lui in panchina, ma è bello sapere che tutto sia indirizzato nella maniera giusta per lui».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma