Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Milan-Napoli, tifoso interrompe la diretta del giornalista a San Siro e lo insulta: «Terrone di m...»

La vittima Marco Lombardi, di CalcioNapoli24, durante un collegamento dall'esterno del Meazza

Milan-Napoli, tifoso interrompe la diretta del giornalista a San Siro e lo insulta: «Terrone di m...»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 19 Settembre 2022, 19:42 - Ultimo aggiornamento: 20:24

Stava facendo il suo lavoro, fuori dallo stadio di San Siro, dopo la vittoria del Napoli per 2-1 sul Milan. Ma gli è stato rivolto un insulto razzista («terrone di m...») da un tifoso avversario. È successo ieri sera al giornalista Marco Lombardi, di CalcioNapoli24, durante un collegamento dall'esterno del Meazza in occasione della vittoria della squadra di Spalletti. «Che degrado», «una vergogna senza fine», sono alcuni dei numerosi messaggi di solidarietà inviati al cronista arrivati sui social. «E tra 20 anni sono sicura che - purtroppo - ci ritroveremo nuovamente a condannare giustamente questi episodi», si legge in un altro post su Twitter.

«Ecco perché non si può tollerare la canzoncina sul Vesuvio: nonostante qualcuno dica sia solo sfottò da stadio, tanta gente fa della discriminazione territoriale il proprio credo», è un altro commento ancora. «Come per l'aggressione alla collega toscana palpeggiata mentre era in onda, anche qui andrebbe punito l'aggressore con un daspo», si legge in un post che ricorda l'aggressione alla giornalista toscana Greta Beccaglia di Toscana Tv, palpeggiata mentre era in onda all'esterno dello stadio Castellani di Empoli al termine della partita con la Fiorentina. CalcioNapoli24 si rivolge direttamente al Milan: «Siete il club italiano più titolato di sempre e un vanto per il nostro Paese, attendiamo la vostra collaborazione per individuare il tifoso che ha aggredito il nostro inviato. Fatti non chiacchiere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA