Milan, tifosi pronti a perdonare Donnarumma ma occhio alla Juve

Milan, tifosi pronti a perdonare Donnarumma ma occhio alla Juve
di Salvatore Riggio
2 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Dicembre 2017, 16:54 - Ultimo aggiornamento: 15 Dicembre, 00:19

Non sarà facile per Gigio Donnarumma dimenticare la contestazione di ieri sera, durante gli ottavi di Coppa Italia vinti 3-0 contro il Verona. Chi lo conosce, lo descrive come un ragazzo turbato ma orgoglioso delle prese di posizione di Bonucci e, soprattutto, di Rino Gattuso. Il capitano non ha mai smesso di rincuorarlo e incitarlo, mentre l’allenatore ha messo la faccia e speso per lui parole importantissime. È nel carattere di Gattuso, che non ha mai avuto problemi nel prendere posizione. Ma ora cosa succederà a Gigio Donnarumma? Domenica ci sarà la trasferta del Bentegodi, ancora contro il Verona ma stavolta in campionato, poi sabato 23 dicembre la gara di San Siro con l’Atalanta. Per come si sono messe le cose, non sono da escludere altre contestazioni. La Curva Sud è praticamente stata chiara: Donnarumma si deve staccare da Mino Raiola. Ed è questo il pensiero della maggior parte dei tifosi milanisti. Sul web sta spopolando l’hashtag #gigiomollalo per esortarlo a cambiare procuratore e dare una svolta alle recenti polemiche, zittendole del tutto.Senza paura. Il Milan continua a dire che Gigio è un patrimonio del club, forte del rinnovo fino al 2021 firmato a luglio dal giocatore (senza clausola rescissoria), ma sul 18enne incombono Psg e Real Madrid. Senza dimenticare la Juventus. In via Aldo Rossi non hanno nessuna intenzione di cederlo ai bianconeri, ma Beppe Marotta potrebbe far vacillare Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli con 40 milioni di euro più il cartellino di Szczesny. Tanti soldi, che al Milan servirebbero in caso di mancata qualificazione in Champions, e un portiere di sicuro affidamento. In Italia il polacco è diventato una certezza alla Roma e ora alla Juventus come vice Buffon. La decisione dell’Uefa incombe (il no al voluntary agreement è atteso nelle prossime ore, al massimo domani) e senza risultati i rossoneri saranno costretti a cedere un big. Per buona pace di tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA