Milan, Leonardo: «Su Paquetà c'è un accordo di base con il Flamengo»

Giovedì 11 Ottobre 2018
«Paquetà? Non c'è molto da dire. Abbiamo un accordo di base con il Flamengo, ma il mercato riapre a gennaio quindi dobbiamo ancora fare un pò di strada prima dell'ufficialità. Ora c'è da pensare solo al campionato e all'Europa League e non al mercato che è chiuso. Che giocatore è? Avremo tempo, oggi è un giocatore del Flamengo, deve giocare ancora dieci partite del campionato brasiliano. Dobbiamo aspettare il 3 gennaio». Il direttore dell'area tecnica del Milan Leonardo sul colpo Paquetà. «Ibra? È normale che ci sia un legame anche personale con lui. Abbiamo costruito un rapporto. Quando siamo arrivati un pensiero lo abbiamo fatto, anche a 37 anni è un trascinatore. Oggi il mercato è chiuso. Dobbiamo fare le cose con calma, non dobbiamo dimenticare che ci sono dei paletti del fair play finanziario. Vogliamo costruire una squadra competitiva», ha aggiunto Leonardo che oggi ha ricevuto il premio Liedholm. «È veramente un simbolo di eleganza e simpatia. La sua ironia era di grande classe. Io non ho questa ironia, ma per me è certamente un riferimento». Leonardo ha parlato anche del Fair Play Finanziario: «C'è un processo che stiamo seguendo. Non dobbiamo mai dimenticare da dove siamo partita, tre mesi non eravamo nemmeno in Europa League», ha aggiunto il dt dell'area tecnica rossonera che ha fatto riferimento anche alla stracittadina di Milano. «Il derby è sempre il derby. Si possono dire tante cose, che uno sta meglio e uno peggio, ma poi quando fischia l'arbitro emerge la storia. Sarà una grand emozione. Noi siamo in crescita, per noi sarà una grande prova. Vedo una squadra sempre più consapevole di quello che può fare, anche quello è un salto importante, sta capendo che può fare cose importanti».

«Higuain? È una certezza. Lo ha sempre fatto da quando aveva 18 anni. Il suo arrivo al Milan ha dato un'impronta importante. È un grande trascinatore», ha detto Leonardo. «Chi mi ha sorpreso? Non c'è nessuno in particolare. Suso è un talento, tutti sanno come gioca ma non riescono a marcarlo. È bello vederlo giocare. Abbiamo tanti giovani importanti. Biglia sta dimostrando di essere un punto di riferimento. Kessie ha forza fisica e tecnica, Jack ha grande esperienza, si inserisce tanto e fa gol. Calhanoglu deve essere più incisivo. Cutrone ha un'energia e una vivacità contagiante. Stiamo parlando di tanti giocatori importanti, come lo sono anche Castillejo e Laxalt. Anche Bakayoko si metterà in mostra. Ci sono tante cose positive». Infine su Galliani e Berlusconi al Monza ha aggiunto: «Sono contento perché loro senza calcio non possono vivere. È una storia molto bella da raccontare. Il loro Milan ci ha lasciato grandi valori ed emozioni. Siamo una società diversa adesso, ma i valori sono gli stessi». E sul passato all'Inter: «Il derby è sempre un'emozione. Il mio passaggio all'Inter lo rispetto molto, ho una grande stima per Moratti, abbiamo un grande rapporto. Essere tornato al Milan mi fa molto felice».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Mi dai il tuo Name tag?”: ecco il rimorchione social

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma