MILAN

Milan, la fuga è cominciata: Romagnoli e Kessie stendono la Fiorentina

Domenica 29 Novembre 2020 di Salvatore Riggio

In attesa della Roma stasera, impegnata al San Paolo contro il Napoli, il Milan vola a +5 da Inter e Sassuolo grazie al 2-0 conquistato contro la Fiorentina. Da casa, da dove è isolato causa coronavirus, Stefano Pioli può ritenersi soddisfatto per l’intensità messa in campo dalla sua squadra, che vince anche senza Ibrahimovic e dà una bella scossa al campionato. I rossoneri fanno sfogare la Fiorentina, che nei primi 10’ sembra bella vivace, ma appena Romagnoli sblocca il risultato, si spegne. Il gol del vantaggio del Milan arriva sugli sviluppi di un calcio d’angolo e già questa è una notizia non essendo proprio, negli ultimi anni, una specialità del Diavolo. L’unica reazione è la fucilata di Vlahovic che Donnarumma devia sul palo. Poi è Pezzella a combinarla grossa con un intervento in scivolata in area che sbilancia Saelemaekers. Per l’arbitro Abisso è rigore, il Var conferma e Kessie raddoppia. Così al 37’, quando Caceres fa fallo su Theo Hernandez. La trama non è proprio la stessa. Per Abisso è rigore, il Var conferma, ma stavolta Kessie si fa parare la conclusione dal dischetto di Dragowski. Nella ripresa la gara resta sempre brillante con il palo di Calhanoglu e la bella parata di Donnarumma su Ribery. Finisce 2-0 e il Milan è sempre più primo.

LEGGI LA CRONACA

 

Ultimo aggiornamento: 16:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA