Mercato, Lotito mette Correa all'asta. Florenzi-Milan ci siamo

Mercato, Lotito mette Correa all'asta. Florenzi-Milan ci siamo
di Stefano Carina ed Elenora Trotta
3 Minuti di Lettura
Giovedì 19 Agosto 2021, 07:30

 Dopo settimane di telefonate e abboccamenti, in casa Lazio tutti sperano che la cessione di Correa possa bloccarsi. L’Everton ha infatti aumentato il pressing sull’argentino ed è pronto a sfidare l’Inter. Lotito, da parte sua, non ha manifestato particolari preferenze verso la possibile acquirente. Anche perché le necessità del club suggeriscono di accettare la prima offerta che si avvicinerà ai 30 milioni più bonus, richiesta minima. Quanto alla volontà di Correa, il fantasista gradirebbe raggiungere Inzaghi, con cui è rimasto in stretto contatto dopo l’addio alla Lazio. Ma allo stesso tempo strizza l’occhio alla Premier: «Mi piacerebbe giocarci», rivelò lo scorso anno. Insomma, la svolta per il Tucu è in arrivo mentre sul fronte entrate va registrato l’ennesimo no dell’Eintracht alla cessione in prestito di Kostic, anche se Tare è convinto di riuscire a farcela in extremis. Così come per Toma Basic, con cui c’è un accordo con il Bordeaux a 7 milioni più 3 di bonus. Serve però l’addio di Correa per entrambi, alternativa nerazzurra a Zapata. Ieri sono arrivati in Italia gli agenti del colombiano per forzare la cessione del giocatore, già d’accordo con l’Inter che però non è disposta a spendere 40 milioni. Per questo motivo, vengono valutati anche Thuram e Weghorst. Piace anche Insigne ma solo a condizioni super vantaggiose. Intanto, è stato impostato il rinnovo di Lautaro Martinez: stipendio da circa 6 milioni fino al 2026, con possibile clausola rescissoria. Il Napoli ha ufficializzato Jesus e aspetta un’offerta più alta dall’Olympiacos per Manolas, che vuole tornare in patria. Sfuma Emerson: il difensore firmerà con il Lione. Idee chiare per Vlahovic: seguito da Atletico Madrid e Tottenham, il serbo punta ad un ingaggio top. 
RINNOVO VICINO 
Versante Roma, Pinto lavora principalmente sulle uscite. Con Pedro che in giornata sarà un nuovo calciatore della Lazio (l’ex Barça rinuncerà ad una mensilità dello stipendio che agevolerà il suo trasferimento in biancoceleste), Florenzi è pronto a volare a Milano per svolgere le visite mediche per il Milan. Il braccio di ferro tra i club - con Pinto che chiedeva 1,5 milioni per il prestito oneroso e Massara che non andava oltre il milione - è stato risolto direttamente dal calciatore che rinuncerà alla mensilità di agosto (400mila euro) in modo da coprire la differenza in atto. Il diritto di riscatto rimane fissato a 4.5 milioni. In un colpo solo a Trigoria risparmiano così 3,2 milioni netti del nazionale azzurro e altri 3 dello spagnolo per il quale è stato privilegiato il trasferimento in Italia (anziché all’estero), altrimenti i 3 milioni (in questo caso lordi) risparmiati con il Decreto crescita nella passata stagione sarebbero venuti meno. Intanto Providence passa in prestito al Bruges (riscatto a 2,5 milioni). Ieri nuovo incontro tra il gm giallorosso (poi partito per Trebisonda) e l’agente Pocetta per il prolungamento di contratto di Pellegrini. Passi in avanti per il quadriennale: verrà tolta la clausola di 30 milioni e l’accordo sarà impostato su parametri diversi rispetto all’attuale. I premi accumulati infatti non costituiranno più la base per aumentare la parte fissa. L’ingaggio sarà dunque old-style sui 4 milioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA