Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Torino, Mazzarri esalta Belotti: «E' determinante»

Torino, Mazzarri esalta Belotti: «E' determinante»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 5 Aprile 2019, 16:00

Parma è una tappa «fondamentale» per il Torino, aggrappato all'ultimo vagone del treno che porta in Europa. Walter Mazzarri non può che essere d'accordo con il suo presidente Urbano Cairo: «Inutile - dice il tecnico granata - parlare di obiettivi se dopo la vittoria di mercoledì andremo a Parma a fare una prestazione simile all'andata». Contro i ducali, infatti, c'era stata una delle prove più deludenti del Toro di quest'anno, subito in doppio svantaggio per i gol di Gervinho e Inglese e costretto a una rimonta improduttiva. I granata non vogliono più rallentare il passo, ora che sono addirittura vicini alla zona Champions. E si affida al carisma e alla combattività di Belotti, salito a quota 12 gol, cinque centri nelle ultime cinque partite: «È un calciatore eccezionale, - osserva Mazzarri - lavora sulla parte tecnica con la volontà di un ragazzino. È esperto, una forza della natura, ma non deve alzare la testa dal manubrio: lui è determinante per noi». Al 'Tardinì sarà un'altra prova di maturità. «La parola maturità viene usata un pò troppo nei nostri confronti - ha spiegato a Torino Channel il tecnico, che oggi non ha tenuto la consueta conferenza stampa pre-partita -, dobbiamo invece migliorare nella continuità di rendimento. Nel girone di ritorno lo stiamo facendo, speriamo di continuare così o magari di migliorare». Mazzarri non si fida del Parma che, dopo un ottimo inizio di stagione, con successi prestigiosi tra cui quello in casa del Torino, ha patito una flessione: nel girone di ritorno ha conquistato solo 5 punti, solo il Chievo ha fatto peggio. «Essendo una neopromossa - è la considerazione del tecnico granata - avrebbero firmato per essere in questa situazione, hanno fatto molto bene fino a ora, ce lo ricordiamo noi cosa ci fecero all'andata». Senza gli squalificati Lukic e Aina e con Iago Falque ancora indisponibile, Mazzarri recupera De Silvestri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA