Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marocco, scontri choc fra tifosi durante una partita a Rabat: decine di feriti, 160 persone arrestate tra cui 90 minorenni

Marocco, scontri choc fra tifosi durante una partita a Rabat: decine di feriti, 160 persone arrestate tra cui 90 minorenni
2 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Marzo 2022, 00:14 - Ultimo aggiornamento: 00:20

Circa 160 persone, tra cui 90 minorenni, sono state arrestate in seguito agli scontri fra tifosi che hanno provocato decine di feriti durante una partita di coppa a Rabat. Lo ha riferito la polizia marocchina. I sostenitori incriminati «sono stati arrestati per il presunto coinvolgimento in atti di violenza, per detenzione di coltelli, stato di ubriachezza, lancio di sassi che hanno provocato danni, e per avere appiccato il fuoco a un veicolo», ha precisato in un comunicato la direzione generale della sicurezza nazionale (DGSN).

Al termine di una partita di Coppa del Trono, giocata nella capitale, gli ultras dell'As Far, club delle forze armate marocchine con sede a Rabat, eliminata 2-0, hanno invaso il campo per affrontare i tifosi magrebini di Fez, secondo quanto riportato dai media locali. Le forze di sicurezza, bombardate da proiettili, sono dovute intervenire per fermare le violenze. Il Dgsn ha riportto 103 feriti fra la polizia e 57 tra i sostenitori. «In questa fase delle indagini, sono stati registrati molti danni alle strutture dello stadio Moulay-Abdallah. Una motocicletta è stata data alle fiamme e anche 33 poliziotti e veicoli privati ;;hanno subito danni», ha aggiunto il Dgsn.

La Disciplinare della Federcalcio dovrebbe riunirsi all'inizio della settimana, sono previste sanzioni, secondo i media. Questi incidenti sono i primi da quando il pubblico è tornato negli impianti sportivi alla fine di febbraio dopo due anni di chiusura a causa della pandemia. Negli ultimi anni gli stadi marocchini sono stati teatro di violenze fra tifosi. Gli scontri hanno per protagonisti spesso gli ultras dei due club di punta di Casablanca, Wydad e Raja, e si verificano anche fuori dagli stadi. Dopo la morte di due tifosi all'inizio del 2016, le autorità avevano sciolto i gruppi di ultras per combattere il teppismo, vietando persino qualsiasi segno distintivo (slogan e striscioni) negli stadi. Tuttavia, le autorità hanno nuovamente autorizzato la presenza degli ultras da marzo 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA