Mancini come Pozzo, record di 30 risultati utili consecutivi: «Ma lui ha vinto tanto. Chiudere meglio di così non si poteva»

Mancini come Pozzo, 30 risultati utili consecutivi: «Ma lui ha vinto tanto. Chiudere meglio di così non si poteva»
3 Minuti di Lettura
Domenica 20 Giugno 2021, 20:16 - Ultimo aggiornamento: 20:42

Un record antico di 82 anni raggiunto oggi pomeriggio durante Italia-Galles. Roberto Mancini con il successo contro Bale e Ramsey tocca quota 30 risultati utili consecutivi, proprio come Vittorio Pozzo  fra il 1935 e il 1939. Ma la Nazionale è anche arrivata a undici vittorie di fila senza subire reti, per oltre mille minuti di gioco. «Meglio di così non si poteva. Avremmo potuto fare un gol in più. I ragazzi sono stati bravissimi», ha detto alla Rai dopo la vittoria agli Europei. «Anche cambiando non deve cambiare niente - ha aggiunto - i giocatori sanno quello che devono fare, il prodotto non cambia. Verratti? Oggi abbiamo dimostrato che tutti sono titolari. Tutti hanno fatto quello che dovevano fare, anche di più. Record Pozzo? Fa piacere averlo eguagliato, è un mito. Al momento sono ancora indietro, Pozzo ha vinto tante altre cose importanti. Salutiamo Roma e dedichiamo questa vittoria a tutti quelli che hanno sofferto in questo anno e mezzo».

Italia-Galles, per il Black Lives Matter si inginocchiano in sei. I gallesi tutti e undici

Sul turnover: «Siamo felici per tutti i ragazzi che hanno giocato, oggi faceva caldissimo. Cambiarne otto e vincere non è scontato. Abbiamo meritato. Ma avremmo cambiato anche se la partita fosse stata decisiva, avevamo bisogno di far giocare tutti e far guadagnare minuti. Con Chiesa e Verratti dovrò scegliere? Adesso sarà un po' più difficile, ma sono giocatori che abbiamo recuperato bene. Sarà un dispiacere lasciar fuori qualcuno, ma è importante poter contare su tutti i giocatori».

Mancini poi ha parlato anche in conferenza stampa: «Mi ha fatto piacere vedere che abbiamo cambiato otto giocatori e la squadra ha giocato bene. Meritavamo di segnare di più ma loro si difendevano bene, i ragazzi sono stati bravi. In undici contro dieci si sono solo difesi, non era facile neanche trovare spazio. Ci abbiamo provato ma non era semplice. È abbastanza normale, può capitare. Poi siamo stati disattenti sui loro calci piazzati». Ora una tra Ucraina e Austria. «Adesso inizia un altro torneo. Se i ragazzi continuano così, sono felice, non chiedo altro». Mancini ha poi parlato anche dei giocatori di Sassuolo e Atalanta. «I nostri ragazzi sono abituati a giocare così perché proponiamo questo gioco dal primo giorno, ci siamo arrivati. Poi ci sono altri che lo fanno, non hanno problemi quando lo fanno in azzurro».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA