Italia, Mancini ha già vinto, Ventura è ormai un ricordo lontano

Venerdì 15 Novembre 2019 di Alessandro Angeloni
Cinque trofei vinti, questo è stato Vittorio Pozzo. L’uomo dei record e non solo per le nove vittorie di fila. Mancini ha fatto meglio di lui, con i dieci successi consecutivi, ma ancora non ha vinto trofei, perché l'occasione ancora non c'è stata. Ma questa del Mancio è forse la vittoria più importante, messa in rapporto ai compiti che gli erano stati affidati dopo il periodo decadente di Ventura: gli si chiedeva di ricostruire, e lui lo sta facendo; gli si chiedeva di riportare entusiasmo, e questo sta avvenendo, la gente ha ripreso a seguire la Nazionale e la segue con passione; infine gli si chiedeva di rilanciare i giovani e pure qui ci siamo, vedi i 21 esordienti sotto la sua gestione, ultimi della serata Castrovilli, Tonali (come titolare) e Gollini. Sono tutti piccoli trofei che dovranno portare a ottenerne uno più importante. Prima, c’è l’Europeo, poi il Mondiale, chissà questa Nazionale dove potrà arrivare, non possiamo saperlo e forse il traguardo è anche illimitato. Ciò che conta, oggi, è che Mancini sia riuscito a far sembrare così lontana la brutta esperienza con Ventura e il Mondiale saltato in Russia. Sembrare così lontana e invece lontana proprio non è, Il grande grande merito è farla sembrare lontana anni luce. Al di là dei record, di Pozzo e dei risultati che ci sono e che arriveranno.   Ultimo aggiornamento: 23:23


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma