Lazio, Lulic e l'occasione (persa) di cambiare la storia

Mercoledì 20 Febbraio 2019 di Alberto Abbate
Sliding doors. Se avesse segnato al 17', forse sarebbe cambiata la storia: “Ero a un passo dal gol, volevo tirare di prima. Poi quando l’ho stoppata ho sentito il contatto tra difensore e portiere”, spiega Lulic. Eppure non si è lamentato del rigore non fischiato da Taylor, onestamente sembrava netto. Invece il capitano fa solo mea culpa: “Dovevo tirare prima, con quel gol la partita sarebbe andata diversamente. Sapevamo che avremmo avuto bisogno di due gol, dispiace non averne segnato neanche uno”. Anche perché c'era stata la possibilità pure nella ripresa. Romulo era entrato e con l'espulsione di Vazquez aveva di nuovo ridato speranza.

DIFESA
Doppio sliding doors. Se Immobile e Acerbi avessero messo dentro quelle maledette due palle davanti alla porta: “Il risultato è chiaro – spiega Lulic – ma guardando la partita usciamo a testa alta. Ora martedì prossimo ci aspetta un’altra gara molto importante. I giocatori stanno tornando, speriamo di recuperarne qualcuno per la Coppa Italia. Possiamo contare però anche su chi ha avuto meno possibilità quest’anno. Faccio i complimenti a tutti, anche a chi si è sacrificato e ha lottato in difesa”. Eppure Patric rischiava di diventare un caso a Siviglia: non aveva presobene il cambio con Correa e aveva deciso di rientrare direttamente negli spogliatoi.Immediata la reazione di Inzaghi e del suo vice Farris, che lo hanno rincorso e riportato in panchina. Col passaggio al 4-3-1-2 c'è stata la reazione, ma comunque nessuna remuntada


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma