Roma, lo staff tecnico di Mourinho sarà lo stesso avuto al Tottenham. De Rossi studia per tornare

De Rossi
di Gianluca Lengua
3 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Maggio 2021, 07:30

In Italia tutti lo aspettano. A partire da Montali, coordinatore generale dei giallorossi quando lo Special One esultava con l’Inte contro la Roma di Ranieri: «Mi ha tolto la soddisfazione di vincere lo scudetto del 2010. Mi auguro sia tornato per riportarlo nella Capitale». Parole al miele anche quelle di Sabatini, ex direttore sportivo del club giallorosso all’alba della gestione Pallotta: «La mia prima reazione è stata non troppo positiva, mi è venuto in mente l’“Oppio dei Popoli” di Karl Marx. È vero, però, che il suo arrivo è un terremoto. È stato un colpo geniale, i tifosi hanno bisogno di vittorie e chi meglio di lui può dare speranze?». Insomma, l’attesa sta montando e sono passate appena 48 ore dall’annuncio. Mou a Roma dovrebbe arrivare a fine stagione, proprio per non intaccare il lavoro di Fonseca che deve chiudere dignitosamente il campionato cercando di regalare alla proprietà almeno la qualificazione in una coppa europea. 

RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE
Non ci saranno dichiarazioni fino a quel giorno, ma intanto lo staff dei Friedkin si è sta già adoperando per trovargli una sistemazione nella Capitale: esclusi gli hotel a cinque stelle (quando allenava il Manchester si lamentava di dover vivere in albergo mentre la famiglia era nella sua casa di Londra). Gli piacerebbe abitare in un grande appartamento nel centro di Roma, ma dovrà valutare le distanze e il traffico per arrivare nel centro sportivo di Trigoria. Lo dovrebbero seguire anche i figli Matilde e Josè di 25 e 21 anni (hanno i nomi dei genitori) che vivono tra Londra e il Portogallo e ovviamente anche la moglie Matilde Faria, soprannominata Tami, ambasciatrice del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite. 

STAFF IN STILE SPURS
Non solo la famiglia, ma a seguirlo a Roma ci sarà anche il suo staff con cui lavorava al Tottenham composto da Giovanni Cerra il tattico romano e romanista, il preparatore atletico Carlos Lalin, il vice Joao Sacramento e Nuno Santos allenatore dei portieri. Possibile qualche modifica in corso d’opera non ancora decisa. Ma a far fibrillare i tifosi sarebbe l’aggiunta di uomo che conosca l’ambiente e che possa dare al portoghese i consigli giusti per approcciarsi alla piazza: i nomi che stanno circolando in queste ore sono quelli di Daniele De Rossi e Walter Samuel. Il primo sta studiando per ottenere la qualifica Uefa A da allenatore e dovrebbe lasciare il ruolo di collaboratore tecnico di Roberto Mancini che si è ritagliato in nazionale, per il momento la società smentisce il suo ritorno. “The Wall”, invece, è collaboratore di ct Lionel Scaloni nella nazionale argentina. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA