Lega serie A, cacciatori di teste e il miracolo di Sant’Ambrogio

Lunedì 4 Dicembre 2017 di Antonello Valentini
Non sapendo più a che santo votarsi dopo quasi 8 mesi di stallo, i presidenti della Serie A hanno pensato di rivolgersi a sant’Ambrogio, che nelle immagini storiche impugna uno scudiscio utile a far ragionare i renitenti. E proprio nel giorno della festa del patrono di Milano, il 7 dicembre, la cosiddetta Confindustria del pallone proverà di nuovo ad eleggere presidente e ad, per rilanciare se stessa e costringere il n.1 del Coni Malagò a riporre l’arma - con il colpo in canna - del Commissariamento. Ma non sarà facile mettere d’accordo venti “padroni”, anche perché c’è chi pensa che solo attraverso il giogo di un Commissario straordinario si possa uscire dal tunnel, mentre la Figc prova a tagliare la strada con l’Assemblea elettiva già convocata per il 29 gennaio.
Come nella giungla, anche per la Serie A si sono rincorsi in questi giorni cacciatori di teste e tagliatori di teste, con il risultato di bruciare vari candidati, tra cui anche l’attuale presidente della Consob, Giuseppe Vegas, esposto a un azzardo che nel dissacrante mondo del calcio gli è costato l’appellativo di Las Vegas. Attorno al controllo della Lega di A, cassaforte del calcio con oltre miliardo di diritti tv, si gioca la partita delle riforme del sistema, non più rinviabili per non perdere il passo con il mercato internazionale, anche nella competitività dei nostri club in Champions ed Europa League. In questa chiave, per contare di più in Figc, la Lega vuole scardinare il meccanismo elettorale che la vede ridotta al 12%,con le società di Serie A che contano il doppio della B(5%) ma meno di quelle di Serie C (17%),a fronte di una corazzata come la Lega Dilettanti che per legge - nel rapporto paritario tra professionismo e dilettantismo - vale il 34% (il resto è diviso tra calciatori allenatori e arbitri). A chiedere maggiore peso per i club di A,ci aveva già provato l’ex presidente Beretta in una minacciosa lettera inviata nell’agosto 2016 a Tavecchio, ma evidentemente finita in cenere. Adesso, i giochi si riaprono e chi vuol salvare la Figc dal sesto commissariamento negli ultimi 20 anni spera nel miracolo di sant’Ambrogio.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Una mattina in ospedale a leggere libri ai bimbi malati

di Pietro Piovani