Lazio, tamponi tutti negativi: a Formello iniziano gli allenamenti di squadra

Mercoledì 27 Maggio 2020 di Valerio Cassetta
Ritmi alti e tanta voglia di calcio. A Formello va in scena il primo allenamento collettivo post lock-down. Simone Inzaghi invita tutti alla prudenza: l’obiettivo è tornare in forma il prima possibile, senza per questo correre rischi inutili tra infortuni e ricadute. Nella partitella finale, finita in pareggio, non mancano contrasti ed entrare dure, ma sempre sul pallone. Forse è per questo motivo che l’allenatore della Lazio fischia la fine sul risultato di 1-1, scontentando chi voleva il golden-gol.

QUARANTENA
Il professor Ivo Pulcini, responsabile sanitario del club, specifica la sua posizione sull’ipotesi della quarantena estesa a tutta la squadra per 14 giorni in caso di calciatore positivo: «Andiamo tutti nel pallone in questo modo, è un eufemismo - sostiene il dottore, intervistato da Radio Kiss Kiss sull'ultimo nodo da sciogliere del protocollo per la ripresa della Serie A -. Il Comitato tecnico scientifico non tiene conto della curva discendente del contagio. Quello che era vero un mese fa, adesso è cambiato tutto. In medicina va considerato il momento. Se i giocatori sono considerati dei lavoratori, perché nelle fabbriche se c'è positivo non chiudono tutto, mentre se capita ad un calciatore tutta la squadra va messa in quarantena?». Un interrogativo rimasto senza risposta, ma domani nell’incontro tra componenti sportive e governative arriverà la decisione definitiva. Intanto, per quanto riguarda i risultati dei tamponi anti-Coronavirus effettuati sui tesserati della Lazio arrivano buone notizie: sono tutti negativi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani