Acerbi contro de Vrij, la sfida centrale per lo scudetto

Sabato 15 Febbraio 2020 di Emiliano Bernardini
 Potendoli cantare Acerbi e de Vrij sarebbero due canzoni d’amore. Non c’è dubbio. Il sentimento verso il primo che cura le ferite del secondo. Anzi, meglio ti apre gli occhi sulla realtà. E così ti trovi a chiederti: «Ma davvero la Lazio ci ha perso nel cambio?». La risposta è nei numeri. Il fedele Francesco contro il traditore Stefan. E’ questo il duello centrale della partita di domani sera. L’olandese torna all’Olimpico da avversario dopo due anni. Finora il duello l’aveva sempre visto dalla tribuna o dalla panchina. Stavolta no, sarà in campo. Il suo fallo da rigore strappo la Champions alla Lazio. Una pugnalata al cuore dei tifosi pazzi per lui. Un tradimento nel tradimento. Da promesso nerazzurro servì un cioccolatino- al veleno a quella che ormai era la sua ex. Nessun rimpianto canteranno i 40 laziali presenti all’Olimpico per una partita che va molto oltre la Champions. Stavolta in ballo c’è lo Scudetto. 
PRESENTE E PASSATO
Le ferite del passato curate grazie a San Francesco. Acerbi è arrivato alla Lazio l’estate dopo il tradimento. E’ arrivato in punta di piedi ma grazie al suo carisma e al suo essere sempre presente ha ricominciato a far battere il cuore biancoceleste. Toglieteci tutto ma non il nostro Acerbi è lo slogan più diffuso. Fortemente voluto da Inzaghi, l’ex Sassuolo ha dimostrato al mondo ma anche a se stesso di essere un grande giocatore. Uno da Nazionale. Non è un caso, infatti, che il ct Mancini lo abbia inserito in pianta stabile nella sua Italia da record. Anche Francesco cercava l’occasione del riscatto dopo aver buttato via la chance al Milan. Ha sofferto, è caduto, si è rialzato e ora guarda tutti dall’alto in basso. Senza spocchia, sia chiaro. Ha preso i suoi nuovi compagni per mano diventando un punto fermo della difesa di Inzaghi: 82 presenze su 83 partite, ne ha saltata solo una per squalifica lo scorso anno. Un totale di 7.346 minuti giocati. la ciliegina sulla torta? I 6 gol segnati di cui uno con la maglia Azzurra. Un combattente, non a caso leone è il suo soprannome. Guerriero sì, ma con il cuore gentile. Nello spogliatoio ci ha messo poco a diventare un leader. I suoi siparietti con Immobile sono un cult. «Ciro dove sei?» ha scritto ieri a corredo di una sua foto mentre abbraccia una sedia vuota con tanto di hashtag #SanValentino. «Ti ho detto che a San Valentino dovevo stare con Jessica ma domani stiamo insieme te lo prometto» la risposta di Immobile. «Calma» il commento a chiusura della moglie di Ciro. E giù risate di tutta la squadra. Nel giorno che celebra l’amore de Vrij è una ferita che torna a sanguinare. Con l’Inter ha giocato 64 gare su 82 totali, 5686 minuti conditi da 2 gol. Uno, decisivo proprio nel derby di domenica sera. «Alla Lazio anni indimenticabili. Il loro successo non mi sorprende» le parole dell’olandese. Per Conte è diventato insostituibile, per Inzaghi solo un ricordo. 
LO SHOW DI BRIGA E CASTA
Partita da tutto esaurito quella di domani sera. Saranno quasi 60 mila i tifosi presenti all’Olimpico. La Lazio ha preparato un grande show per introdurre la partita. Prima del fischio d’inizio si esibiranno Briga e il violinista elettronico Andrea Casta entrambi tifosissimi della Lazio.  Ultimo aggiornamento: 15:50


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma