Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lazio, Sarri: «Questa è la classica partita che paghiamo. Da Oporto a Udine per riposare di più»

Lazio, Sarri: «Questa è la classica partita che paghiamo. Da Oporto a Udine per riposare di più»
di Valerio Marcangeli
2 Minuti di Lettura
Sabato 19 Febbraio 2022, 17:12

Direttamente da Udine Maurizio Sarri ha presentato la sfida che attende la Lazio. In assenza di conferenza stampa il tecnico biancoceleste ha parlato ai canali ufficiali del club del confronto con l'Udinese confermando l'allarme per il famoso impegno post Europa: «Le esperienze che abbiamo fatto in questa stagione ci dimostrano che questa per noi è una partita difficilmente materialmente e mentalmente. Materialmente perché l’Udinese è un avversario che ci ha sempre impegnato a fondo. In campionato e in Coppa Italia dove siamo finiti ai supplementari. Mentalmente perché siamo nella classica situazione che in questa stagione abbiamo sempre pagato. Post Europa contro squadre di media classifica vedi Bologna, Verona, Cagliari in casa e Sassuolo. La difficoltà della partita è palese, vediamo se abbiamo fatto passi in avanti».

Sarri: «Abbiamo fatto passi in avanti, ora vogliamo la conferma»

Il Comandante vuole tutti sugli attenti sottolineando i progressi dell'ultimo periodo: «Sto vedendo grande personalità, determinazione e applicazione. Ora l’Europa League va considerato un capitolo a parte, bisogna aver la forza di ributtarsi subito in campionato e di capire l’importanza della partita, di non cadere nei vecchi errori, poi all’Europa ci ripensiamo giovedì. Abbiamo avuto questa difficoltà durante la stagione e ora vediamo se a livello di mentalità abbiamo fatto un passo avanti e siamo capaci di andare oltre». Per favorire la giusta applicazione Sarri e il suo staff in accordo con la società hanno deciso di andare direttamente in Friuli dal Portogallo nella speranza di esser d'aiuto ai calciatori: «Queste situazioni sono sempre difficilmente prevedibili. A livello logistico era difficile stare 8 o 10 ore a Roma e poi ripartire, perciò abbiamo preferito questa soluzione nella speranza che ci dia qualcosa sotto tutti i punti di vista, sia da quello mentale sia da fisico visto che riposeremo qualche ora in più. Speriamo ci ripaghi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA