Lazio, Sarri: «Ora divertiamoci. Ma niente difesa a tre»

Lazio, Sarri: «Ora divertiamoci. Ma niente difesa a tre»
di Daniele Magliocchetti
4 Minuti di Lettura
Martedì 6 Luglio 2021, 08:36

 Veleno per la Juve, passione per la Lazio. «Ho voglia di tornare a divertirmi e far divertire la gente». Parole e musica di Maurizio Sarri. Dopo tanta attesa, oggi è il suo giorno. Sbarcherà nella capitale e comincerà la sua nuova avventura con il club biancoceleste. I tifosi non vedono l’ora di abbracciarlo, ma dovranno pazientare ancora un po’. Tanti sostenitori di fede laziale volevano accoglierlo come si fa per un grande acquisto, fargli sentire il calore, l’affetto e l’entusiasmo che c’è attorno a lui. Ma, probabilmente, a meno di cambi di programma, non sarà così semplice avvicinarlo e farlo vedere alla gente. Il Comandante è atteso nella tarda mattinata, voleva avventurarsi in viaggio da solo, in macchina, ma pare che alla fine abbia optato per l’arrivo di un autista che lo preleverà nella sua casa vicino a Castelfranco in Toscana e lo porterà direttamente a Formello. Lui, scalpita per rimettere i piedi in campo, parlare con i giocatori e dirigerli in allenamento. Un contatto quotidiano che gli è mancato tanto. E l’ha fatto ampiamente capire ieri sera durante un’intervista a Sportitalia, dove era ospite d’eccezione. «Parliamo di tutto, ma per favore non mi chiedete della Lazio perché vorrei farlo davanti alla gente laziale», dice col sorriso ma anche col lo sguardo di chi la sa lunga e vorrebbe dire tanto. 

Lazio, Sarri in arrivo: preso Felipe, regalo a costo zero. Corsa contro il tempo per sfoltire la rosa


DERBY E MOU 
Della Lazio non dice tanto, ma quel che basta per accendere l’entusiasmo e far capire la filosofia e la voglia che porterà a Formello. «Alla Lazio vorrei tornare a divertirmi come è accaduto a Napoli, lì soltanto mi sono divertito ad allenare. La voglia è tanta. E se mi diverto io lo fanno anche i giocatori, se poi la stessa cosa succede a me e ai giocatori insieme, allora anche il pubblico si divertirà. E’ l’essenza del mio lavoro, quello che voglio e che cerco». Un fiume in piena. Gira attorno alla Lazio, senza mai nominarla, ma i pensieri sono positivi. «Lavoreremo duramente nella settimana per riuscire a divertire la domenica, certo qualcosa si dovrà cambiare. Il modulo? Mi dicono che sono un integralista, ma non è così ho adottato diversi schemi nella mia carriera, dal 4-3-1-2 al 4-3-3 ma anche altro. L’idea di base è partire col 4-3-3, anche se per il momento ci mancano gli esterni alti. Vediamo quello che succederà nel mercato e valuteremo il da farsi. Lazzari? Uno che ha la sua gamba, può fare tutto anche il terzino». Non poteva mancare il confronto con Mourinho e un richiamo alla Roma. «Io e Mou? Ma è più una roba giornalistica che un problema tra me e lui, questioni che non ci sono affatto. In campo ci vanno i giocatori, sono loro che decidono non certo gli allenatori. Sono loro che evitano i gol e li fanno. Io alla Roma? So dai miei agenti che sono stato molto vicino a loro, poi non se ne è fatto nulla». L’ultima è su Lotito, molto simile a De Laurentiis: «Con quello del Napoli non è stato semplice, ma, conoscendolo la prima volta, i due non mi sembrano simili per niente, anche se le persone vere si vedono nei momenti di difficoltà e spero di non aver sbagliato opinione».


RANCORE BIANCONERO 
Sulla Juve non si tiene e lancia diverse bordate. E non potrebbe essere altrimenti visto che sono 332 giorni di silenzio: «Quando abbiamo vinto lo scudetto non si è festeggiato, ognuno a cena per conto suo, adesso ho notato che hanno celebrato un quarto posto. Contenti loro. Ronaldo? Difficile gestire uno come lui, è una multinazionale. Ho sbagliato a lasciare il Chelsea. Il momento giusto per andare alla Juve era quest’anno, con meno aspettative».

© RIPRODUZIONE RISERVATA