Lazio, Pedro trascinatore: terzo acquisto più decisivo tra le “sette sorelle”. Fa meglio anche di Abraham

Lazio, Pedro trascinatore: terzo acquisto più decisivo tra le sette sorelle . Fa meglio anche di Abraham
di Valerio Marcangeli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Dicembre 2021, 19:41 - Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre, 10:12

Con Immobile ai box a causa del Covid-19 la Lazio si affida a Pedro. Il numero 9 nelle ultime due gare senza il bomber si è preso la squadra sulle spalle trovando anche due gol di fila, entrambi di sinistro, tanto per lui non fa differenza. Velocità supersonica, qualità sopra la media e un impatto fuori dal comune. La scelta Pedro è la più azzeccata delle ultime sessioni di mercato in casa Lazio. Decisiva l’illuminazione di Sarri. Il Comandante lo aveva talmente ammirato al Chelsea che alla vigilia della finale di Europa League disse a Zola (il suo vice): «Chi gioca domani? Sicuro Pedro e Giroud. Gli altri 9 li scegli te».

Una stima reciproca mai nascosta. Il canario appena arrivato ha parlato così del tecnico biancoceleste: «Maurizio – riferendosi amichevolmente a Sarri – è una persona importante per me. Insieme abbiamo vinto l’Europa League. Ho capito subito la sua idea di calcio, mi piace». E si vede. In questi primi mesi alla Lazio Pedro è il secondo marcatore del club dopo Immobile. Considerando campionato e coppa lo score recita 8 gol e 4 assist. Influisce in 12 reti biancocelesti. Una scommessa vinta che il direttore sportivo Tare in più casi ha commentato così: «Prenderlo è stata un’idea geniale. È un professionista serio che vive ogni giorno di allenamento come se fosse il primo nonostante tutti i trofei vinti in carriera».

Lazio, Pedro punta la quarta stagione in doppia cifra della sua carriera

Un rendimento quello del canario che riporta ai momenti migliori della sua carriera. Quest’anno al giro di boa in campionato ha già toccato quota 7 gol. Nel 2018/19 col Chelsea (guarda caso di Sarri) chiuse il girone di andata a 6 chiudendo poi con 8 centri in Premier League. Solamente in tre stagioni l’attaccante spagnolo ha raggiunto la doppia cifra. Si tratta del 2009/10, il 2010/11 e del 2013/14, tutte e tre con la maglia del Barcellona. Nella prima chiuse a metà campionato con 5 gol raggiungendo a fine anno 12 marcature. Nella seconda salutò il girone di andata già con 10 gol, chiudendo la Liga con 13. Nella terza invece al giro di boa fece ancora meglio con 11 centri e concluse con 15. Numeri alla mano, la stagione corrente può diventare una delle più importanti della carriera di Pedro in termini realizzativi. La personale quarta stagione in doppia cifra in campionato dista solamente tre lunghezze.

Pedro terzo miglior acquisto per le “sette sorelle”: fa meglio anche di Abraham

Prendendo in esame le “sette sorelle”, quasi nessuna sta godendo di un rendimento così decisivo da parte di un nuovo arrivato in Serie A. Solamente l’Inter può definirsi più soddisfatta della Lazio. Dzeko e Calhanoglu hanno portato a Inzaghi la bellezza di 14 gol e 10 assist (8 e 3 il bosniaco, 6 e 7 il turco). Dopo i due nerazzurri ecco spuntare Pedro. Il canario è il terzo miglior acquisto tra le “sette sorelle” giunte al giro di boa. Con 7 gol e 3 assist il numero 9 biancoceleste fa mordere le mani alla Roma. Non solo in mezza stagione ha già superato lo score di quella passata in giallorosso, ma al momento lo spagnolo ha fatto meglio anche di Abraham. Il colosso britannico, pagato 40 milioni di euro più bonus, ha 6 gol e 3 assist in Serie A. Altra rivincita per l’uomo dei gol decisivi, e Sarri se la ride.

© RIPRODUZIONE RISERVATA