Lazio: Acerbi il solito leader, Ciro è un leader

Venerdì 4 Ottobre 2019 di Alberto Abbate
L’abisso è evidente. La Lazio b non esiste, non ha un gioco né idee. Vaga per il campo e lascia il possesso al Rennes. Non arriva una palla a Immobile e Caicedo per un tempo. Milinkovic e Luis Alberto entrano e ribaltano, guarda caso, il volto del match e il risultato.

STRAKOSHA 6 
Facile la parata centrale in due tempi su Martin, non può nulla sul colpo di testa di Morel. Plastico il volo su Bourigeaud. Attento.

VAVRO 5 
Non viene impensierito, eppure fatica in ogni movimento. Atterra in area Tait e viene graziato. Inzaghi è costretto nella ripresa a spostarlo al centro. Lento. 

ACERBI 6
Imposta da dietro, Boiko lo grazia sul pallone che finisce sul suo braccio largo. Il baby Camavinga lo mette più in difficoltà del solito, ma poi spostato a sinistra chiude tutto. Fortunato. 

BASTOS 6,5 
E’ attento e concentrato, anche se talvolta irruento. Nel secondo tempo passa a destra e rimedia pure agli errori di Vavro. Lottatore.

LAZZARI 6 
Torna a scendere sul fondo, è l’unico con i cross a creare qualche pericolo per un tempo. Nel secondo poco considerato. Redivivo. 

PAROLO 5,5 
Sbaglia qualche passaggio di troppo, cicca di testa un cross perfetto di Lazzari. Calcia senza pretese dalla distanza. Vecchietto.

CATALDI 5 
Prima volta da regista quest’anno, non è a suo agio. Perde palla e si becca subito il giallo. Telefonata una punizione. Inadeguato.

BERISHA4,5 
Ricomincia coi passaggi all’indietro, corre a vuoto, pressa l’aria. Si lamenta pure per il cambio nella ripresa. Fantasma. 

LULIC 6 
Aiuta la difesa, poi scende di più. E infatti il gol nel pareggio arriva dalla sua fascia. E’ stremato nella ripresa. Stoico. 

CAICEDO 6 
Prova a fare il solito lavoro con le sponde, ma non gli arrivano nemmeno le palle lunghe. Nella ripresa calcia alle stelle. Isolato.

IMMOBILE 6,5 
Deve andare a centrocampo per trovare un pallone, nella ripresa al primo cross di Milinkovic la mette dentro. Cecchino. 
MILINKOVIC 7 

Entra e si perde la marcatura di Morel in area. Si riscatta subito con un rasoterra all’angolino e l’assist per Ciro. Provvidenziale.

LUIS ALBERTO7 
Il suo ingresso rianima il cervello. Sforna dal nulla l’assist per Milinkovic al centro, poi dà una mano a ogni compagno. Genio.

JONY n.g.
Da possbile titolare a subentrato nel finale di partita. 

INZAGHI 6 
Esagera col turnover, rimedia con la doppia sostituzione. Le sue seconde linee non sono all’altezza, ora ha la risposta. Rimedia 

BOIKO 5 
L’arbitro ucraino non vede due rigori, uno è netto per il braccio d’Acerbi. Si perde più di un fallo. Ceco.  Ultimo aggiornamento: 12:36


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma