La Lazio si gode Milinkovic. Sarri: «Può diventare roba grossa»

Il centrocampista serbo è stato ancora una volta dominante tra i biancocelesti, in una stagione che si sta profilando come la migliore della sua carriera.

Sergej Milinković-Savić (26), centrocampista della Lazio
di Valerio Marcangeli
3 Minuti di Lettura
Domenica 16 Gennaio 2022, 17:03

Colpi di nuca e assist di tacco. Non è il circo ma stiamo parlando del tardo pomeriggio di Milinkovic all’Arechi. Il numero 21 della Lazio si è reso protagonista di un’altra grande prova contro la Salernitana. Padrone indiscusso del centrocampo sia sul piano fisico che su quello tecnico, il Sergente prosegue la sua stagione coi fiocchi con l’assist per il vantaggio di Immobile, già l’ottavo in Serie A: al momento nessuno in campionato vanta più passaggi vincenti. Non ci sono solo questi ultimi: con 7 gol Milinkovic, dopo quattro stagioni, intravede di nuovo la doppia cifra. Nel 2017/18 concluse con 12 centri in campionato conditi da 3 assist. Alla 22esima giornata di quattro anni fa le reti erano le stesse di quelle attuali, mentre i passaggi vincenti per i compagni solo 2. Ora siamo già a 8 e l’ultimo, come detto, è arrivato ieri con una vera e propria gemma. Movimento tra i due difensori che viene premiato con un lancio perfetto da Luis Alberto, Milinkovic con semplicità disarmante avverte la presenza di Immobile in area e con un colpo di tacco al volo lo serve alla perfezione per l’1-0. Un gesto tecnico di altissimo livello che sul web ha fatto impazzire i tifosi e non solo. Sono comparsi diversi fermi immagine del colpo di tacco all’interno di una cornice come fosse un’opera d’arte. Lo stesso Milinkovic su Instagram ha esultato per i tre punti scherzando in termini fantacalcistici: «Felicissimo per vittoria. Ma assist al volo, di tacco, girato non può valere solo +1 al fantacalcio… Almeno +1.5 dai, fate petizione!». Un colpo quello del numero 21 biancoceleste osannato anche dalla Lega Serie A che senza mezzi termini sui propri canali ufficiali ha scritto: «Va bene Sergej, fai come vuoi allora».

Lazio, Sarri su Milinkovic: «Può diventare roba grossa»

Milinkovic migliora di giornata in giornata e Sarri se lo gode. «Nella mia carriera ho avuto la fortuna di allenare centrocampisti di grandissimo livello – ha detto il tecnico – come Kantè, Kovacic, Hamsik o Zielinski. Milinkovic rientra sicuramente tra loro». Questa l’ammissione del tecnico biancoceleste nel post partita di Salerno. La stagione del Sergente è in crescendo, ma l’accelerata c’è stata nelle ultime settimane: «Mi sembra che negli ultimi due mesi Sergio (il soprannome in squadra di Milinkovic, ndr) abbia fatto un percorso di completezza. È concreto nel modo di giocare. Prima perdeva palloni e contrasti in modo banale, adesso invece gioca con meno superficialità. Può diventare roba grossa». Roba grossa per la quale club come il Manchester United o l’Inter farebbero senza dubbio un tentativo sul mercato in estate. La Lazio sarà aperta al dialogo, ma il prezzo lo faranno le prestazioni e stando a quanto visto finora ci sarà da divertirsi. Lotito gongola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA