Lazio, colpo Champions: 4-0 al Milan, Sarri aggancia Roma e Inter. Rossoneri a -12 dal Napoli

Il Milan non si rialza all'Olimpico. Anzi, sprofonda sempre di più perdendo 4-0 e scivolando a -12 dal Napoli, che ormai praticamente fa un campionato a sé

Lazio, colpo Champions: 4-0 al Milan, Sarri aggancia Roma e Inter. Pioli a -12 dal Napoli
di Salvatore Riggio
3 Minuti di Lettura
Martedì 24 Gennaio 2023, 22:46 - Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio, 14:53

Il Milan non si rialza all'Olimpico. Anzi, sprofonda sempre di più perdendo 4-0 e scivolando a -12 dal Napoli, che ormai praticamente fa un campionato a sé. Vince la Lazio che gioca molto meglio dei rossoneri e non rischia nulla, agganciando Inter e Roma al terzo posto con 37 punti, a -1 proprio dai rossoneri. I biancocelesti fanno tutto nel primo tempo, nel giro di 38', mentre il Diavolo - come già accaduto a Riyad in finale di Supercoppa Italiana contro l'Inter - non entra mai in campo e prova a reagire con manovre macchinose e prevedibili. Stefano Pioli persiste per la sua strada, nel 4-2-3-1. In campo c'è ancora Messias e non Saelemaekers. Nessuna novità tattica.

 

La partita

La Lazio parte già forte. Al 4' sblocca il risultato con Milinkovic su assist di Zaccagni. In 19 confronti è il primo gol del serbo al Milan. E soprattutto torna a segnare dopo tre mesi e mezzo, dalla doppietta realizzata contro lo Spezia il 3 ottobre scorso. L'unica reazione rossonera è una conclusione di sinistro da fuori di Tonali parata da Provedel. Poi gioca solo la Lazio. Zaccagni ci prova con una girata al volo, che finisce in angolo, e Pedro lancia Felipe Anderson anticipato in maniera decisiva da Dest. Per il raddoppio è solo una questione di tempo. Infatti, al 38' è Zaccagni a ribadire in rete una respinta del palo sul tiro di Marusic.

La ripresa

Nella ripresa il Milan non ha nemmeno le forze per provare a riaprire il match. Stefano Pioli ne è consapevole e prova a dare una sterzata inserendo Saelemaekers, De Ketelaere e Origi per Messias, Diaz e Giroud. Ma il Diavolo ha ormai perso la sua strada. La Lazio triplica con Luis Alberto, che trasforma il rigore concesso da Di Bello per fallo di Kalulu su Pedro, e firma addirittura il 4-0 con Felipe Anderson. Adesso la lotta Champions diventa una bagarre: ci sono cinque squadre (Milan, Lazio, Inter, Roma e Atalanta) in tre punti. Ma l'impresa più difficile per Pioli è rianimare il Diavolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA