Lazio, Sarri: «Luis Alberto e Milinkovic insieme? Ora è difficile»

Lazio, Sarri: «Luis Alberto e Milinkovic insieme? Ora è difficile»
di Daniele Magliocchetti
3 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Ottobre 2021, 21:06 - Ultimo aggiornamento: 21:52

La Lazio si ferma col Marsiglia, ma Sarri appare comunque soddisfatto della prestazione. «Abbiamo fatto una buona partita contro una buona squadra. La sensazione è che nei primi trenta minuti mancava brillantezza, negli ultimi trenta un pizzico di fortuna. Sembrava potessimo sbloccarla e rimane un po’ di amarezza per il finale». Ha elogiato la squadra: «Ha fatto una buona prestazione, ci ha creduto fino in fondo, ha alzato i ritmi di parecchio nell’ultima mezzora. È un passo in avanti, dispiace per il risultato ma possiamo recuperarlo nelle prossime tre partite».

CAPITOLO LUIS ALBERTO

«Difficile vedere Luis Alberto e Milinkovic insieme in questo momento: se la squadra riesce a trovare solidità difensiva, prima o poi ci riproveremo. In questi giorni abbiamo guardato attentamente tutti i dati degli allenamenti di Luis e abbiamo deciso che lui è più adatto quando i ritmi partita sono più dolci. Bisogna cercare di tenere la squadra su grandi livelli di energie nervose e livelli motivazionali».

LA PRESTAZIONE

«È un gruppo che dà soddisfazioni, ci alleniamo bene per quel che possiamo giocando ogni tre giorni, abbiamo le giuste sensazioni in allenamento. È un gruppo che dà gusto allenarlo, penso che con questa prerogativa si può risolvere tutto. Dobbiamo sempre dare il 100%, anche se il nostro 100% è inferiore ad altre squadre, noi dobbiamo guardare a noi»

IL VICE-LEIVA

«Cataldi? È un buon palleggiatore, è adatto a me e al mio gioco, però Leiva è un giocatore importante, spreca pochissimi palloni, fa una fase difensiva di livello, importante per la personalità».

LA RESA DEI CONTI

«Verona una partita da resa dei conti, una gara simile l’abbiamo toppato a Bologna in una maniera assoluta dopo aver vinto il derby. Ora abbiamo battuto l’Inter, è una cartina di tornasole importante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA