Lazio, i big si schierano con Inzaghi

Sabato 1 Giugno 2019 di Alberto Abbate, Daniele Magliocchetti
I suoi fedelissimi lo stanno implorando di restare e lo continuano a chiamare. Oggi Immobile e Acerbi saranno a Coverciano agli ordini del ct Mancini, ma con la testa e un orecchio rivolto alle sorti del padrino Inzaghi. Negli ultimi giorni hanno sentito il tecnico, gli hanno chiesto lumi sul suo futuro, nessun dubbio è stato sciolto. In particolare, Ciro vuole conoscere quale sarà il suo destino. Domenica scorsa aveva lanciato d’altronde un messaggio forte e chiaro a Lotito da Torino: «Non so immaginare una Lazio senza Inzaghi. Se andasse via, sarebbe una perdita importante». E’ ovvio per chi il bomber faccia il tifo. Simone lo ha voluto a tutti i costi a Formello, lui tre anni fa è rinato. E fra i due è nata pure un’amicizia al di fuori del campo. Vacanze a Dubai insieme, cene ripetute con le famiglie: «Io e il mister abbiamo un rapporto speciale, ma con lui tutta la squadra si trova benissimo. Abbiamo vinto due coppe e fatto tre finali. Ora c’è la Supercoppa, saremmo contenti di affrontarla con lui in panchina, ma deve fare le sue scelte insieme alla società. Anche Allegri si è lasciato bene con la Juve, l’importante è essere chiari». Sono passati solo sei giorni da queste parole, eppure su Formello sono solo aumentati i silenzi, il gelo e le nubi. 

ATTESA
Pure ieri Inzaghi e Lotito non si sono visti né sentiti. Sono rimasti fermi all’ultimo confronto di venerdì e a un’altra telefonata di mercoledì, ognuno in preda ai loro pensieri. Per aprire un nuovo ciclo ed essere ancora il tecnico, Simone chiede investimenti senza cessioni big. Lotito deve invece fare i conti con i propri averi e sopratutto non intende essere ostaggio di nuove promesse o giuramenti. Non a caso il presidente non lo ha ancora convocato per un nuovo confronto, come a voler far capire a Inzaghi e chi lo vuole (è rimasto solo il Milan) chi comanda con un anno di contratto. Inzaghi ha rimandato il viaggio negli Stati Uniti, ma ora siamo di nuovo agli sgoccioli. Dopo tre anni e mezzo, o va via lui oppure vanno ritrovati insieme nuovi stimoli per centrare gli obiettivi. Anche Lotito in fondo ci sta riflettendo, entro dopodomani dovrà arrivare a un verdetto. 

MERCATO
Le ore d’attesa scorrono senza un responso. Così non può partire il progetto. Lotito dal canto suo si sente tradito, pensa che Inzaghi abbia assunto questo atteggiamento perché aspetta pure una chiamata da Milano. Il presidente ieri è rimasto nei suoi uffici di Villa San Sebastiano per risolvere altre questioni, Tare invece va avanti per la sua strada per i prossimi colpi: preso Adekanye, a un passo Wesley, spunta Szoboszlai, 19enne centrocampista crac del Salisburgo (5 gol e sei assist) per il dopo Milinkovic. In difesa piace Biraschi del Genoa e occhio a Lovren del Liverpool, oggi impegnato nella finale di Madrid. Il ds potrebbe volare lì stasera, questo significherebbe che l’ultimo incontro con Inzaghi e Lotito rimarrebbe anche questo week-end in ghiacciaia.  Ultimo aggiornamento: 07:38


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma