CORONAVIRUS

Lazio, Lazzari: «Videogiochi, allenamento e tv: ecco la mia quarantena. Inzaghi ha filosofia vincente»

Venerdì 17 Aprile 2020 di Valerio Cassetta
Nuovo look, vecchie abitudini. Manuel Lazzari si allena anche durante la quarantena. «Mi sono dovuto tagliare i capelli, perché sono cresciuti troppo - spiega col sorriso l’esterno della Lazio -, ma stanno già ricrescendo». Il primo mese di isolamento per l'emergenza Coronavirus «è stato duro». Del resto lui è uno «a cui piace correre». Al suo primo anno in biancoceleste ha vinto una Supercoppa, ma la formazione di Simone Inzaghi è in lotta anche per il vertice: «Siamo abituati ad allenarci in gruppo, non è semplice stare fermi - racconta l’ex Spal alla radio ufficiale laziale -. Mi alleno ogni giorno, tra corsa, bike e forza». Sedute variegate, «così le giornate sembrano meno uguali». Gli hobby, invece, sono comuni ai compagni di squadra: «Gioco molto alla Playstation, di solito con Cataldi a “Call of Duty”, e guardo anche le serie tv, come “La Casa di Carta”, ieri ho iniziato “The Stranger”». Episodio dopo episodio, Lazzari trascorre la quarantena: «Vado di corsa pure con le serie tv, qualcuna l’ho già finita (ride, ndr)».

Dopo un periodo di ambientamento iniziale, “Manu” è entrato a meraviglia negli schemi di Simone Inzaghi: «La filosofia del mister è vincente, difendiamo in 11 nella nostra metà campo con gli attaccanti che si sacrificano». Poi se «il centrocampo della Lazio è il più forte d’Italia e tra i primi in Europa», tutto è più semplice. E pazienza se c’è tanta concorrenza per giocare titolare: «Qui in ogni ruolo ci sono calciatori fortissimi. I quinti sono tutti forti ed è un piacere allenarsi con loro - conclude Lazzari -. Non c’è nessuna competizione, il mister fa le sue scelte, ma fuori dal campo c’è un grandissimo rapporto».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani