Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lazio, dalla panchina al campo: ora Lazzari è insostituibile e sogna la Nazionale da protagonista

Lazio, dalla panchina al campo: ora Lazzari è insostituibile e sogna la Nazionale da protagonista
di Valerio Marcangeli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Agosto 2022, 13:14

Buona la prima per la Lazio. La squadra di Sarri non ha deluso le aspettative e contro il Bologna ha portato a casa il bottino pieno. Un 2-1 in rimonta che ha convinto molto il Comandante, soprattutto dal punto di vista dell’atteggiamento. Il tecnico ha visto il carattere giusto per ribaltare il match, una reazione che probabilmente nella scorsa stagione non avrebbe portato i frutti sperati. Quello contro i rossoblù è stato un segnale importante in vista di una stagione complicata nella quale il club capitolino punterà a migliorare il quinto posto della passata stagione.

Juventus, stretta finale per Depay. Inter, Akanji nel mirino. Milan, stallo per Diallo e Onyedika

Lazio, Lazzari show contro il Bologna: il terzino determinante per la rimonta

Ma tornando a ciò che ha detto il campo contro il Bologna, il primo a dare subito l’impressione che la Lazio non aveva alcuna intenzione di partire col piede sbagliato è stato Lazzari. Il terzino destro ha dominato in lungo e in largo, cavalcando la fascia destra fino alla sostituzione con Hysaj all’83’. L’ex Spal è stato un fattore per tutto il match, rientrando in quasi tutti i momenti clou. È lui che allo scadere della prima frazione parte palla al piede cercando un’occasione nella metà campo avversaria e trovando il fallo che costa il secondo giallo a Soumaoro. Un momento spartiacque, visto che l’espulsione ristabilisce la parità numerica e soprattutto dà fiducia al club capitolino. Il pareggio invece nasce da un suo spunto, l’ennesimo, sulla fascia destra. Sterzata su Cambiaso e cross che porta all’autorete di De Silvestri. Per chiudere in bellezza, prima di uscire il numero 29 ci aggiunge pure una chiusura determinante sul cross di Kasius lanciato in contropiede.

Lazio, Lazzari: «Più maturi dopo un anno con Sarri. Facciamo più punti possibili»

Il migliore del match in lungo e in largo, con tanto di lusinghe di Sarri stesso: «Sta dimostrando di poter giocare senza problemi in una difesa a quattro». Crescita importante quella di Lazzari, deciso nel puntare in alto in questa stagione: «Siamo una squadra più matura dopo un anno con Sarri. Non montiamoci la testa, abbiamo vinto una gara importante, ma è solo l’inizio. Continuiamo così, facciamo più punti possibili fino alla sosta». Inopportuno montarsi la testa, ma a questi ritmi il classe ’93 può sognare veramente qualcosa di importante, come il ritorno – stavolta in pianta stabile – con la Nazionale di Mancini. Nella prima stagione con Sarri, quando a gennaio ha rischiato di essere ceduto, ha comunque chiuso con 3 gol e 3 assist. Se il buongiorno si vede dal mattino il numero 29 vorrà superarsi già entro la sosta per il Mondiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA