Lazio, Lazzari un frecciarossa per la Champions

Domenica 25 Agosto 2019 di Alberto Abbate
 E' l'unico nuovo acquisto in campo al debutto, Inzaghi ormai non rinuncia a Lazzari, pure se gioca senza una mano. Stasera avete capito il motivo, l'ex furetto della Spal sembra già un veterano. Anzi, se avesse pure il tiro mirato, un potenziale fenomeno. Non entra nel tabellino con gli assist, ma il terzino è senz'altro uno dei migliori in campo. Conosce già le idee di gioco, fornisce alternative e cross, sa persino fare azioni da solo. Inventa, è ovunque come se alla Lazio ci fosse sempre stato.

Il suo esordio era a rischio dopo la frattura alla mano. Lazzari si rialza, cammina, corre, che talento. E' inarrestabile nel primo tempo. Regala un filtrante meraviglioso a Immobile, poi un cross perfetto sulla testa di Luis Alberto. Fa vedere di saper seminare le difese quando si lancia anche da solo. Stupenda un'azione personale, da speedy Gonzales, peccato per il tiro debole finale.

Sorprende la sua integrazione con i compagni, il suo recupero lampo. E' la voglia a fare la differenza nel calcio: “Dal ritiro il mister ci ha chiesto di essere più aggressivi e di andare a pressarli più alti. Anche oggi abbiamo creato tante occasioni. Diciamo che ho fatto un recupero un po' record. Mi sono operato lunedì, oggi è domenica, aver giocato è già un miracolo. Sono davvero contento". Al derby speriamo possa essere decisivo.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma