Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Casale e Ilic verso la Lazio? Il presidente del Verona ammette: «Sì, possibili anche due trattative con Lotito»

A confermare i possibili colloqui tra Lazio e Verona è stato lo stesso patron dell’Hellas

Casale e Ilic verso la Lazio? Il presidente del Verona ammette: «Sì, possibili anche due trattative con Lotito»
di Valerio Marcangeli
4 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2022, 11:02

Non è certamente un segreto che per rinforzarsi la Lazio sta mirando alla bottega del Verona. Non sarebbe neanche la prima volta visto che già l’estate scorsa Lotito col presidente Setti ha chiuso l’affare Zaccagni. A spingere per un nuovo asse è lo stesso Sarri, sempre più interessato a due profili degli scaligeri. Uno è Nicolò Casale, che secondo il Comandante andrebbe a completare la coppia difensiva con Romagnoli. L’altro è il talentuoso classe 2001 Ivan Ilic.

Setti: «Per Casale possibile derby. Non abbiamo preclusioni, ma non cerchiamo contropartite»

A confermare i possibili colloqui tra Lazio e Verona è stato lo stesso patron dell’Hellas, Maurizio Setti, intervenuto ai microfoni di Radiosei: «Casale è seguito da tanti club. La Lazio aveva dimostrato interesse già a gennaio per un giocatore di grande prospettiva, ci sarà sicuramente una possibilità che vada a Roma, ma bisogna muoversi prima dell'inizio del ritiro. Il rischio di un derby di mercato c’è. Certi nomi sono ambiti da tante società, non solo da due: staremo a vedere che succede sul mercato, gli incastri si faranno tra un po'. Di certo noi saremo rispettosi e trasparenti con tutti». Così il presidente dei gialloblu che poi si sofferma anche su Simeone e Ilic: «Se vengono tutti a giocare alla Lazio poi Lotito deve tirare fuori troppi soldi e si arrabbia (ride, ndr). Non credo si possa fare tutto con un unico club con i miei pezzi pregiati, è un discorso che non mi sento di garantire che si possa intraprendere con un club solo. Non abbiamo preclusioni con nessuno e non cerchiamo contropartite. Se la Lazio continua con Sarri deve fare un mercato di un certo tipo, ma sono decisioni che non mi riguardano».

Il patron del Verona: «Ilic superiore a Jorginho. C'è la possibilità di fare anche due operazioni con la Lazio»

Soprattutto il centrocampista serbo è finito nel mirino di molti club e per il patron del Verona è già un pezzo pregiato: «Può fare il regista in un centrocampo a tre, potrebbe assomigliare a Jorginho come tipologia, ma è più strutturato sulla profondità, sui lanci, sulla corsa. A parità di età secondo me Ilic è superiore, lo vedrei in un top club: può ambire a giocare nelle migliori squadre d'Europa». Promosso anche come post Leiva: «Potrebbe starci». Nessuna preclusione per affari più articolati stile Zaccagni: «Prestiti con obbligo di riscatto? Il mercato è strano, oggi è prematuro dire come verranno fatte le cose. Tali operazioni si fanno verso la fine, ma ancora è presto per capire. Entro due settimane si accenderà la situazione perché poco dopo cominciano i ritiri. In seguito ci sarà un mercato aperto con la stagione iniziata a metà agosto e là se ne vedranno di tutti i colori». Parole chiare quelle di Setti, che intanto la sua l’ha detta al presidente biancoceleste: «A Lotito ho consigliato cosa fare. La possibilità di fare un'operazione con la Lazio c'è e anche in percentuale abbondante. Forse anche due. Dipende però dai programmi che la Lazio ha per il mercato».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA