Lazio, è una difesa Felipe con Acerbi e Radu

Sabato 5 Ottobre 2019 di Daniele Magliocchetti
Il Trio delle meraviglie. Nessuno tocchi il “Muro”. Ogni tanto cambiare fa bene, ma nel caso della difesa della Lazio se succede si rischia davvero grosso. Quasi di andare incontro a brutte figure. È il caso del trio dei centrali biancocelesti Luiz Felipe-Acerbi-Radu, che insieme fanno faville e diventano impenetrabili. Numeri alla mano, anche meglio della difesa dell’Inter. Tra infortuni e scelte tecniche non hanno potuto giocare sempre insieme, ma quando è successo i risultati sono venuti fuori. Basti pensare che i tre, soprannominati il “Muro”, hanno disputato la prima di campionato con la Sampdoria, il derby e le ultime due sfide casalinghe con Parma e Genoa, con numeri strepitosi. Non sarà infatti una coincidenza che, a parte le tre vittorie e il pareggio coi giallorossi, con loro in campo la retroguardia laziale abbia incassato un solo gol, per giunta su rigore nel derby. 
STATISTICHE
Numeri che non lasciano scampo. A loro, ad onor del vero, potrebbe aggiungersi Patric che, fino a quando è rimasto in campo a Ferrara con Acerbi e Radu, la Lazio non ha subito gol, ma forse i suoi 48 minuti stagionali sono pochini per entrare nella statistica e a far parte del “Muro” biancoceleste. Ad ogni modo, senza il trio “LuizAceRadu” tutti e tre insieme sul terreno di gioco, la Lazio ha subito sei gol, rimediato tre sconfitte e conquistando una vittoria. Numeri che portano a più d’una riflessione e soprattutto a non rinunciare più al “Muro”. Se stanno bene e non sono squalificati, dovrebbero essere i primi intoccabili. A Bologna toccherà a loro. 
Con il trio delle meraviglie, domani in campo ci sarà pure Correa. Il Tucu sta meglio e sarà pronto per giocare titolare al fianco di Immobile a Bologna. Negli ultimi due giorni, l’argentino ha lavorato e recuperato forma e condizione a Formello. Sugli altri che Inzaghi manderà in campo ci sono pochi dubbi: Lulic e Marusic, che rileverà Lazzari, sulle fasce. In mezzo si rivedranno Milinkovicc e Luis Alberto dal primo minuto, con Leiva a fare il regista.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma