Lazio, da Andrè Anderson a Berisha: quanti nomi in uscita a gennaio

Venerdì 8 Novembre 2019 di Valerio Cassetta
Valon Berisha
Poca qualità per due competizioni, troppa quantità per il solo campionato. La rosa della Lazio potrebbe subire delle variazioni nel prossimo mercato di gennai. Tanti i possibili scenari dopo la quasi certa eliminazione dall’Europa League. La sconfitta contro il Celtic di ieri sera per 2-1 compromette eccome il cammino dei biancocelesti nella competizione. In realtà, una minima speranza di qualificazione ci sarebbe ancora, ma la squadra di Simone Inzaghi non è più padrona del proprio destino. Il tecnico finora aveva provato a ruotare gli interpreti nelle gare del giovedì, alternando un turn-over esasperato a quello ragionato. I risultati maturati però non sono stati quelli sperati e tra due mesi la Lazio giocherà solo partite di Serie A e coppa Italia. Insomma, i biancocelesti torneranno a preparare una gara alla settimana con un roster di 25 giocatori. Troppi per una sola manifestazione.

PARTENZE
A dicembre verranno fatte delle valutazioni sui possibili partenti, e alcuni di questi avrebbero già un piede fuori da Formello.  Valon Berisha, protagonista in negativo del match con il Celtic, potrebbe aver perso ieri sera l’ultimo treno verso la rinascita e convincere tutti di essere tornato quel “guerriero”, ammirato due stagioni fa con il Salisburgo e mai esploso a Roma. A gennaio la Lazio proverà a piazzarlo, anche in prestito. Una seconda chance, invece, verrà data a Jony e Denis Vavro, arrivati in estate rispettivamente dal Malaga e dal Copenaghen. Entrambi non hanno convinto finora e il giudizio è rimandato. Anche se il centrale è costato circa ben 12,5 milioni di euro. La loro permanenza al momento non è in dubbio: il loro processo di ambientamento non è ancora completato, ma Bastos in difesa e Lukaku sulla fascia sinistra potrebbero superarli nelle gerarchie una volta per tutte. Da capire anche il futuro di André Anderson, escluso dalla lista Uefa, mai impiegato in campionato e in odore di prestito alla Salernitana. Discorso simile per Riza Durmisi, che ormai pare non far più parte del progetto biancoceleste.

PATER FAMILIAS
Intanto, il presidente della Lazio, Claudio Lotito, che ieri nel post gara si è fatto sentire con la squadra negli spogliatoi dell’Olimpico, in giornata è stato ospite dell’evento “Diritto sportivo e antidoping” presso la Sala Consiliare del Comune di Rieti. Il numero uno biancoceleste ha tenuto una vera e propria lezione, ricordando di «aver agito sempre come un padre di famiglia in un mondo dove prevaleva sempre l’interesse materiale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma