Lazio-Cluj, Inzaghi pensa solo alla Champions: contro i rumeni i titolari stanno fuori

Giovedì 28 Novembre 2019 di Alberto Abbate
foto Rosi
 La speranza dei sedicesimi è l’ultima a morire, ma il Cluj deve perdere due gare e la Lazio vincere entrambe. Inzaghi non ci crede e s’affida al turnover totale: «Non passeremo il girone». Così è orientato a spedire in campo in Europa almeno otto giocatori diversi rispetto all’ultimo undici titolare. Sarà pure vero che dalle riserve s’aspetta delle risposte, ma di fatto non è proprio un bel segnale. Esordisce in questa stagione Proto fra i pali, Guerrieri sarà il secondo con Strakosha fuori dai convocati. L’insostituibile è Acerbi, non ci rinuncia mai Inzaghi. Vavro (al centro) e Bastos (centro-destra) a completare la difesa ai suoi fianchi. Lazzari gioca soltanto perché è ai box Marusic, sull’altra fascia riecco Jony. In mediana Parolo e Cataldi, il terzo posto è di Berisha con la conferma della guarigione dalla contrattura quest’oggi. Inzaghi vuole risparmiare sia Luis Alberto che Milinkovic. E’ in dubbio Caicedo (caviglia), Correa può slittare centravanti. E’ vicino a debuttare dal primo minuto addirittura il baby Adekanye in Europa. Inzaghi non vuole spremere Immobile, reduce dalle fatiche con l’Italia e a Reggio Emilia. 
DIMENSIONE 
E’ evidente la priorità all’Udinese. Anche se dall’inizio dell’Europa League sono sempre state così le scelte. Il risultato è l’eliminazione dopo 10 anni nel girone, ma Inzaghi non si pente: «Ho dovuto gestire le energie e nelle tre sconfitte avremmo meritato un’altra sorte. Contro il Rennes abbiamo vinto ed è paradossalmente stata la prestazione peggiore. Poi nell’ultima gara ci è stato negato un clamoroso rigore». Altro passo indietro sul piano internazionale: «A me girano le scatole al pensiero d’uscire - spiega infatti Parolo - perché in Europa una squadra come la Lazio può crescere». 
CARRIERA 
Lo dice un senatore, uno che a 34 anni ha sempre voglia d’imparare e mai di smettere: «Io mi sento ancora di poter giocare, quindi per il rinnovo ci siederemo con la società a fine stagione per capire se posso ancora essere importante». E’ fondamentale, Immobile, e promette eterno amore: «Voglio e spero di chiudere la carriera nella capitale». Così vanno avanti le trattative per un nuovo adeguamento (a quasi 4 milioni coi bonus) sino al 2025. Questo però è l’anno buono per volare: «Possiamo arrivare in Champion’s League. Io cercherò di segnare tanti gol ancora per essere ricordato nella storia biancoceleste». Rischia d’esaurirsi quella di Lukaku malamente: il calvario al solito ginocchio continua, nonostante fosse stato operato in Primavera. Inzaghi lo aveva riabbracciato e rimesso in vetrina sulla fascia, Jordan aveva risposto con un assist decisivo contro la Fiorentina. Ecco un’altra ricaduta, ieri il belga era in Paideia. Altro che rinnovo, la Lazio dovrà studiare il da farsi a gennaio: lo scorso anno per colpa delle visite il Newcastle lo rispedì a Formello.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma