Lazio, Lotito sblocca il mercato con 10 milioni, Sarri aspetta l’arrivo di Basic. Correa verso l'Everton

foto Rosi
di Daniele Magliocchetti
4 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Agosto 2021, 10:58

Aria nuova. Con un pizzico di rivincita. Lotito rilancia e sblocca il mercato. E ora la Lazio respira, accelera, deposita e soprattutto compra. Ma senza ansia di vendere Correa. Su di lui l’Everton spinge, ma il Tucu riflette. Sarri non sta nella pelle per l’ingaggio di Pedro, ma adesso si aspetta gli arrivi di Basic e Kostic (o quanto meno un esterno) e, forse, anche di altri giocatori. La mossa decisiva, l’ha fatta il numero uno del club con un versamento di oltre 10 milioni di euro. Soldi che hanno rimesso in moto la macchina, riequilibrando l’indicatore di liquidità. Il club è in condizioni di lavorare sul mercato, e non solo. L’operazione finanziaria è ancora avvolta nel mistero, nel senso che Lotito la sta completando del tutto, ma si dovrebbe trattare di un prestito finalizzato. Una somma che il patron ha messo a disposizione della società, ma che nell’arco degli anni potrebbe riprendere o lasciare per altre situazioni d’emergenza.

Lazio, Pedro attraversa il Tevere: «Ora segna un gol alla Roma!»


ORA I GIOCATORI


Il comunicato della società, dove si diceva che «la Covisoc ha disposto la revoca del provvedimento di non ammissione alle operazioni di acquisizione del diritto alle prestazioni dei calciatori», è stato accolto dall’ambiente come se fosse un gol o la conquista di un obiettivo importante. Ed è così perché ieri sono stati ufficializzati gli acquisti a titolo definitivo di Felipe Anderson, Romero, Pedro, Hysaj e il rinnovo di Radu. Tutti tesserati, dunque, tranne Kamenovic. Il terzino serbo è extracomunitario, non ha convinto Mau e il club non vuole occupare lo slot per avere la possibilità di ingaggiare un altro calciatore con lo stesso status. Il prescelto, si sa, è Kostic col quale c’è già un accordo di massima, sia con lui che con l’Eintracht. Ma non è il solo. L’arrivo imminente in città è quello di Toma Basic. Dalla Francia danno per fatta l’operazione anche per conto del Bordeaux sulla base di 9 milioni di euro: 7,5 più 1,5 di bonus. Il giocatore è atteso nella capitale nelle prossime ore, anche se Petkovic vorrebbe utilizzarlo in campionato, ma appare complicato.


IL TUCU DICE “33”


Lotito è su di giri perché con questa mossa si è aggiudicato un punto importante sull’operazione Correa. Non è più lui a rincorrere e a dover aspettare. E’ l’opposto. C’è l’Everton decisa che da ieri (e per tutta la notte) tratta con la Lazio e spinge per avere il Tucu. L’offerta è alta, 33 milioni più 4 di bonus, legati però a obiettivi non semplici. Lotito, con Lucci che media, cerca di raggiungere un accordo. In mezzo c’è il giocatore che, nonostante i quasi 5 milioni d’ingaggio all’anno proposti, tentenna. L’argentino spera ancora nell’Inter che però sta prendendo Thuram dal M’gladbach per meno di 30 milioni. La sensazione è che alla fine l’affare con l’Everton si farà e così la Lazio potrà avere soldi per chiudere non solo Basic e Kostic, ma provare a cedere Vavro (Spagna con Jony) per fare spazio a un difensore. Un profilo giovane, uno come Anel Ahmedhodzic del Malmoe. Oggi, infine, entro le 12 la Lazio presenterà la lista dei 25 giocatori e non ci dovrebbero essere sorprese. Sarà definitiva il 1° settembre.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA