Lazio, doppio appuntamento con la Dea della speranza

Domenica 5 Maggio 2019 di Emiliano Bernardini
Lazio, Simone Inzaghi in allenamento (foto ROSI)
C’è la Dea sulla strada che porta alla felicità. Il doppio incrocio con l’Atalanta sarà decisivo per capire il futuro della Lazio e di Inzaghi. Oggi in campionato e mercoledì prossimo in finale di Coppa Italia. I biancocelesti si giocano tutto. Guai a fare calcoli. Impossibile fare scelte: o tutto o niente. E già perché la qualificazione in Europa non è affatto scontata. E poi c’è ancora quel sogno Champions che la matematica non ha ancora spento definitivamente. La Lazio se la dovrà giocare nonostante i dubbi adombrati dai tifosi della Roma che nella giornata di venerdì hanno scatenato la polemica Capitale. Polemiche che il tecnico Inzaghi ha spento subito: «Per noi è importante parlare di calcio, per quanto accaduto in altre conferenze si è già espressa in merito la mia società». Risponde per le rime, invece, il tecnico dell’Atalanta Gasperini: «L’obiettivo delle polemiche di Ranieri in realtà è l’Atalanta: siamo davanti e in tanti sperano che noi cadiamo».

GUARDARE SE STESSI
Non bisognerà guardare gli altri risultati, in questo momento i biancocelesti devono soltanto vincere per poi sperare nel passo falso di qualche rivale. Per ora i ragazzi di Inzaghi sono ottavi in classifica, fuori da qualsiasi piazzamento per l’Europa. Contro l’Atalanta, quarta con quattro punti di vantaggio, è uno scontro diretto. Vincere o “morire”. Perché il rischio di trasformare una buona stagione in una fallimentare è molto alto. Quattro gare alla fine che dovranno inevitabilmente portare 12 punti. I bonus la Lazio li ha già giocati tutti in quel trittico da incubo con Spal, Sassuolo e Chievo. Un solo punto raccolto. Uno stop importante nella grande corsa alla Champions ma anche per l’Europa League. «Non è importante, ma importantissima. Decisiva per noi. Con convinzione, cattiveria e coraggio possiamo vincerle tutte da qui alla fine» rimarca il tecnico Inzaghi. Non certo l’avversario più semplice in questo momento.

PUNTI DEBOLI
I nerazzurri sono in un grande stato di forma. Soprattutto corrono tantissimo e la Lazio è leggermente in debito d’ossigeno. E poi non perdono da dieci turni consecutivi. Ma anche l’Atalanta ha i suoi punti deboli che Inzaghi e il suo staff hanno visionato minuziosamente attraverso i vari filmati. La linea difensiva a tre di Gasperini è sempre molto alta e fatta di uomini non velocissimi che soffrono gli inserimenti. Insomma le ripartenze dei biancocelesti potrebbero essere l’arma vincente. Anche a centrocampo i nerazzurri vanno in difficoltà. Succede quando vengono pressati in fase di costruzione soprattutto nella loro metà campo. La Lazio dovrà invece evitare di lasciare toppo il gioco in mano ai ragazzi di Gasperini, stare attenti alla velocità dei suoi attaccanti e limitare al massimo la fantasia di Gomez. Ultimo aggiornamento: 14:54


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma