La Spal vince a Cittadella e sale al terzo posto. Novellino e Bollini che brutti esordi

Daniele Cacia (Ascoli) è terzo fra i cannonieri di ogni tempo, in serie B
di Vanni Zagnoli
4 Minuti di Lettura
Sabato 3 Dicembre 2016, 17:33 - Ultimo aggiornamento: 17:43

Il Frosinone non va oltre il pari a La Spezia, anzi ringrazia l’arbitro Minelli che annulla un gol ai liguri, e allora resta un punto dietro al Verona. La Spal vince a Cittadella e raggiunge il terzo posto, nel Padovano è seguita da 1300 tifosi. Negativi due esordi in panchina: di Bollini nella Salernitana, battuta a Bari, e di Novellino nell’Avellino, superato al Partenio dall’Ascoli, favorito dall'arbitro. Tra i marchigiani Cacia raggiunge i 125 gol in carriera in B, è sul podio dei cannonieri di ogni tempo, accanto a Totò De Vitisdietro a Schwoch (135) e a Giovanni Costanzo (130), bomber degli anni ’30 e ’40.

Spezia-Frosinone 0-0 Partita molto tattica. Primo tempo ciociaro, la ripresa è per la squadra di Mimmo Di Carlo (squalificato), sospinta da un centrocampo giovanissimo: Maggiore è nato nel ’98, Vignali nel ’96. A un quarto d’ora dalla fine, Bardi devia il diagonale di Cisotti, subentrato fra gli aquilotti. Terzi segna in rovesciata, il gol è splendido, l’arbitro Minelli annulla vedendo un fallo di mano ma era regolare. Ciofani è molto nervoso al momento di uscire, viene espulso appena raggiunge la panchina. Sono comunque 10 risultati i utili in sequenza per il Frosinone.

Cittadella-Spal 1-2: 31’ pt Bonifazi, st 10’ Iori (C), 25’ Zigoni. 

C’è il primo gol in carriera per Kevin Bonifazi, 20enne di Toffia (Rieti): il difensore colpisce di testa su azione d’angolo. Il pareggio con il destro Iori, deviato: il capitano granata è il 5° gol stagionale, tanti per un regista. Il Citta insiste, sono poi i ferraresi a costruire occasioni, in particolare una deviazione ravvicinata di Schiattarella. Il match è molto intenso, anche Litteri ha una buona occasione. Il controsorpasso è sul palo di Antenucci, infine Alfonso evita per due volte l’1-3.

Latina-Entella 1-1: 23’ pt Corvia (L), 39’ st Masucci. Nica pennella dalla sinistra, Corvia si conferma in stagione eccellente, anticipa Pellizzer e angola in acrobazia. Per i pontini anche un palo esterno di Scaglia su punizione. La squadra di Chiavari è in difficoltà nel primo tempo, crea solo due occasioni, con Caputo e Masucci, migliori nel secondo con il palo in rovesciata di Masucci. Sul pareggio, Troiano è in fuorigioco, l’assistente Galetto lo segnala, l’arbitro Di Paolo invece convalida. Nel recupero, espulso per doppia ammonizione Dellafiore, per una spallata al portiere Iacobucci. E al 94’ il palo di Rolando, 21enne centrocampista del Latina, al 5° risultato utile in sequenza.

Bari-Salernitana 2-0: 41’ pt De Luca, 6’ st Daprelà. Sulla punizione di Brienza, Luis Felipe non è attento, così De Luca lo supera di testa. Su palla inattiva anche il raddoppio, in mischia, di Daprelà, entrato per l’infortunato Sabelli. C’era un rigore per la Salernitana, fallo di mano di Basha. Infine Rosina è fermato dal palo. La formazione di Bollini meritava il pari.

Ternana-Brescia 1-0: 5’ st Palombi. Palo di Rosso in avvio per le rondinelle, alla 5^ sconfitta esterna di fila. Prima dell’intervallo Minelli nega il vantaggio all’umbro Masi. Il gol arriva su assist di Avenatti per Simone Palombi, l’ex ex primavera della Lazio aveva già segnato all’Entella. Falletti manca due volte il raddoppio in contropiede, mentre Avenatti si fa chiudere dal portiere. Morosini avvicina il pari.

Novara-Vicenza 2-1: pt 9’ Raicevic (V), 34’ Lukanovic; 13’ st Galabinov rig. Il vantaggio veneto è su intuizione di Giacomelli: serve Orlando, Da Costa si oppone alla sua conclusione e Raicevic infila; il montenegrino uscirà per infortunio. Lukanovic, invece, gioca dall’inizio al posto di Sansone, infortunatosi in extremis, segna su azione palla a terra avviata da Viola: è del ’98, è al primo gol in B. Poi Benussi nega il vantaggio al solito Faragò. Traversa di Galabinov all’intervallo per i piemontesi, ma la supremazia è berica. Finchè Signori tocca la palla con il braccio sulla serie di dribbling di Dickmann, il rigore è ineccepibile. 

Pro Vercelli-Pisa 0-0 Piemontesi senza vittorie da 7 turni, solo un’occasione nel primo tempo, è per il nerazzurro Sanseverino. E’ una partita povera di contenuti.

Avellino-Ascoli 1-2: pt 27’ Verde (Av), 38’ Gatto; 19’ st Cacia rig. Splendida la punizione del vantaggio irpino. Il pari su azione personale di Cacia, chiusa con il cross. Traversa aerea di Ardemagni per l’Avellino. Il centravanti è sgambettato da Augustin, alla ripresa, sarebbe rigore, non per Aureliano. Al 17’ Perrotta si oppone con la spalla, sulla linea, al tiro a botta sicura di Orsolini, l’arbitro sbaglia a decretare il rigore e l’espulsione, pensava a una parata. Nel finale palo di testa di Belloni per i campani e traversa scheggiata da Camara.

Verona-Perugia: domani alle 15.

Benevento-Cesena: lunedì alle 20,30.

Classifica: Verona 33, Frosinone 32; Spal 29, Benevento (-1) e Cittadella 28, Carpi 27, Entella e Perugia 25; Bari e Spezia 23, Novara e Brescia 21, Pisa e Ternana 19, Ascoli, Salernitana e Pro Vercelli 18; Cesena e Avellino 16, Vicenza 15, Trapani 11.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA