La Roma femminile batte il Como: semifinale di Coppa Italia più vicina

La Roma femminile batte il Como: semifinale di Coppa Italia più vicina
di Giuseppe Mustica
2 Minuti di Lettura
Sabato 29 Gennaio 2022, 14:15

Il passaggio in semifinale è in cassaforte. Ipotecato dalla vittoria di oggi sul campo del Como. La Roma vince 3-0 e mette in discesa la gara di ritorno che si disputerà al Tre Fontane tra dieci giorni. Una formalità, come era preventivabile, visto che il sorteggio ha regalato alle giallorosse l'unica squadra di Serie B ancora rimasta nella manifestazione. L'hanno decisa la doppietta di Paloma Lazaro e la rete di Haavi, al secondo centro consecutivo. Insomma, è stato tutto davvero semplice.

TITOLO DA DIFENDERE

Assai importante per le giallorosse andare avanti in Coppa Italia. E' il titolo da difendere dopo aver vinto lo scorso maggio la finale contro il Milan ai calci di rigore. Il primo storico trofeo per le giallorosse, che hanno dato il giusto peso all'appuntamento di oggi. Evitando così ogni possibile scherzetto della squadra lombarda che arriverà nella Capitale quasi in gita. Possibilità di passare il turno ormai non ce ne sono. La Roma ha blindato la qualificazione con la mentalità da grande squadra. Non soffrendo praticamente mai - com'è giusto che sia contro una formazione di categoria inferiore - e spingendo sull'acceleratore dal primo minuto. In tutto questo c'è stato anche il debutto di Kollmats, l'ultima arrivata alla corte di Spugna: mandata in campo a 20' dalla fine, non ha dovuto sudare granché in questo primo assaggio del calcio italiano. 

PALOMA SUPERSTAR

E' stata sicuramente la giornata di Paloma Lazaro. L'attaccante spagnola ha dimostrato di essere importante trovando di potenza la rete che ha spaccato la partita, e chiudendola poi a pochi minuti dal termine con un delizioso pallonetto. Oscurata un poco da Pirone in questa stagione, Lazaro quando viene chiamata in causa risponde sempre presente. Merita opportunità come questa. Merita giornate come questa. Sulla semifinale ormai certa la firma ce l'ha messa lei. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA